Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società “Mafiosi, fuori dalla comunità!”

Opinioni

“Mafiosi, fuori dalla comunità!”

caselli-gian-carlo-web4di Gian Carlo Caselli - 30 giugno 2014
Mafiosi, io vi scomunico! Sono le pa­role scandite da Papa Francesco in Cala­bria sabato 21 giugno, davanti ad una folla immensa. Parole pesantissime. Mai pronunziate prima. Altri Papi prima di lui avevano scagliato anatemi contro i mafiosi. Convertitevi! un giorno verrà il giudi­zio di Dio!, aveva urlato Giovanni Paolo II ad Agrigento vent’anni fa. Benedetto XVI aveva poi bollato la mafia come in­compatibile con il Vangelo. Ma la con­danna più grave ed esplicita, una condan­na senza appello, è arrivata ora da papa Bergoglio.

Cacciati definitivamente
Fin dai primi tempi della Chiesa, la sanzione della scomunica veniva espres­sa – nel diritto canonico – con la formula “a communione repellatur”. Vale a dire che il colpevole – in quanto indegno – era cacciato, espulso definitivamente dalla comunione dei fedeli: comunità di perso­ne e comunità di cristiani che con il sa­cramento della comunione realizzavano il momento più alto della loro fede.

Senza più ambiguità
Già il 21 marzo, in occasione della “Giornata della memoria e dell’ impegno” annualmente celebrata da Libera, Papa Francesco (incontrando con Luigi Ciotti i familiari delle vittime di mafia) aveva ricordato ai mafiosi che le loro malefatte li avrebbero inesorabil­mente portati, dopo la morte, all’inferno. La scomunica ora li colpisce già in vita e nello stesso tempo è un severo monito alla Chiesa perché sia reciso ogni rappor­to con i boss, rinunziando alle ambiguità, passività e disattenzioni che troppo spes­so si son dovute registrare nel passato.

Ai livelli più diversi: dal cardinal Ruf­fini, per il quale parlare di mafia era una provocazione comunista o nordista (al punto da costringere ad una lunghissima, ostentata ed umiliante attesa Tina Ansel­mi, inviata apposta da Roma per chieder­gli qualche “orientamento” sulla mafia); fino al carmelitano padre Frittitta, capace di celebrare messa – senza vergogna – nella cappella privata che Pietro Aglieri aveva fatto allestire nel suo “covo”, lo stesso dal quale partivano ordini di morte e di delitti assortiti.

Come se la mafia, coltivando i riti vuo­ti di un cattolicesimo tutto santini, devo­zioni ipocrite e confraternite, potesse na­scondere sotto una crosta di falsa sacrali­tà – insieme alla lupara – il suo comporta­mento blasfemo, intriso di violenza, pre­potenza e sfruttamento.

* * *

La speranza è che le parole di Papa Bergoglio riescano a spezzare questa cro­sta ingannevole, ottenendo uno scatto di responsabilità che finalmente superi un agire troppo vecchio o timoroso (se non anche connivente), trovando il coraggio di rinnovare. Senza coraggio ( per dirla col linguaggio degli uomini di Chiesa) non c’è freschezza del Vangelo. Non c’è speranza di slegare le bende ed i bavagli che per troppo tempo hanno reso forti i mafiosi e mortificato i valori, costringendo il nostro popolo a subire infamie tremende insieme ad un doloroso turbamento sociale e morale.

In ogni caso, Papa Francesco obbliga tutti ad una presenza davvero significati­va sulla questione mafia: che significa – in particolare – obbligo di progettare sen­za limitarsi ad inseguire emergenze o pronunziare condanne occasionali ed iso­late.

Tratto da: isiciliani.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa