Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Ancora fango su Massimo Ciancimino: questa strategia sta diventando stucchevole

Opinioni

Ancora fango su Massimo Ciancimino: questa strategia sta diventando stucchevole

ciancimino-massimo-web24di R.C. - 16 maggio 2014
Neanche una breve dedicata alla latitanza del libanese zu Marcello, in compenso fiumi di articoli mirati a gettare ombre e discredito sul testimone chiave del processo Trattativa Stato-mafia.
False notizie, se non proprio menzogne, quelle apparse su alcune testate siciliane e nazionali contro Massimo Ciancimino, aventi oggetto l’apertura di locali ed esercizi commerciali riconducibili, stando a quanto si legge, al figlio di don Vito.
Nessuna pizzeria, invece,  con l’insegna ‘pizze e pizzini’, nessuna offesa alle vittime di mafia.
“Notizie prive di fondamento” le definisce elegantemente Massimo Ciancimino. Ordinaria amministrazione di ogni vigilia di udienza del processo Trattativa.
In aula lo stesso procuratore aggiunto Teresi mostrava sconcerto sull’infondatezza del nuovo scoop apparso sui quotidiani: le giacenza di denaro all’estero che Ciancimino, nel corso di spontanee dichiarazioni, ha messo a disposizione della magistratura, 12 milioni di euro.

Secondo alcuni giornali questa provvista non esisterebbe, o quantomeno non sarebbe reperibile e rintracciabile.
L’equivoco, peraltro chiarito, sorto a causa di un’errata trascrizione del numero di conto, uno zero dimenticato, una sequenza di undici numeri in luogo di dodici, il tutto rimediato da un’ulteriore deposizione rilasciata dal teste alla Guardia di Finanza.
Nessun mistero se non una precisa volontà di delegittimare con ogni mezzo Massimo Ciancimino, nessun accertamento sulle fonti, nessun contatto con l’interessato per eventuali chiarimenti, come vorrebbero le regole fondamentali di buon giornalismo.
Lascia basiti che vicende legate in qualche modo alla persona di Massimo Ciancimino, vengano trattate con tanto zelo e fervore, mentre tematiche come la condanna e la latitanza di Marcello Dell’Utri, o l’arresto di Francantonio Genovese, non trovino spazi adeguati.
Tornando ai misteriosi conti esteri, pur non rivelando nulla di quanto coperto da segreto investigativo, Massimo Ciancimino è categorico “Quanto riportato dagli articoli è falso”. Il teste ha messo a disposizione della Procura e della Guardia di Finanza i riferimenti esatti del conto in Malesia, aperto dal padre Vito e non intestato a lui.
La Malesia è un paradiso fiscale, cosa che rende più difficili determinate verifiche, ma la collaborazione con la magistratura è totale.
Ciancimino, del resto, non era tenuto a rivelare l’esistenza di quei soldi, il farlo è stata un’iniziativa del tutto autonoma, quindi il comportamento paventato dalla stampa,il fornire apposta riferimenti inesatti sarebbe semplicemente folle.
Nessun mistero quindi, un semplice errore di trascrizione, sufficiente però per sbattere il mostro in prima pagina.
Un ‘mostro’ che, nonostante qualche leggerezza, continua a tenere un comportamento lineare, e soprattutto, ahi loro, non si dimostra ricattabile.

Tratto da: articolotre.com

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa