Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Don Ciotti: "Contro le mafie è ora di risalire sui tetti"

Opinioni

Don Ciotti: "Contro le mafie è ora di risalire sui tetti"

donciotti-papadi Carlo Lania - 15 marzo 2014
Il fondatore di Libera. Il 21 giornata della Memoria e dell’impegno

E’ la prima volta che un papa par­te­cipa alla gior­nata della memo­ria per le vit­time della mafia. Come nasce que­sto evento?
Da un incon­tro con lui in cui abbiamo riflet­tuto insieme. Non ha esi­tato ad accet­tare di essere pre­sente a que­sto momento di rifles­sione, di silen­zio e anche di pre­ghiera. Per noi è un grande dono e un segno di grande, grande valore.

Lei ha detto che da parte di papa Fran­ce­sco c’è stato subito grande disponibilità.
E’ una per­sona molto attenta, che sa ascol­tare e capace di sen­tire gli altri den­tro di sé. L’ha dimo­strato a Lam­pe­dusa, ma anche andando nelle car­ceri mino­rili di Roma e acco­gliendo il popolo della strada. Sono segni molto impor­tanti. Tonino Bello direbbe: il potere dei segni con­tro i segni del potere.

In que­sti giorni ricorre anche l’anniversario della morte di don Diana, assas­si­nato dalla camorra a Casal di Prin­cipe il 19 marzo del 1994. Venti anni esatti.
Il grande don Pep­pino Diana. Non dimen­ti­cherò mai il docu­mento ’Per amor del mio popolo’ che nel 1991, con i par­roci della fora­nia, aveva scritto pro­prio per dire basta alla pre­senza della camorra, per invi­tare i camor­ri­sti a smet­terla con la vio­lenza. Ma anche per invi­tare la gente a una rivo­lu­zione delle coscienze. Quando ha chiesto ai suoi par­roc­chiani di salire sui tetti per enun­ciare parole di vita. Dovremmo farlo un po’ tutti anche oggi, salire sui tetti delle nostre case, sui tetti della nostra vita per essere per­sone che si assu­mono la respon­sa­bi­lità del cambiamento.

Un altro sacer­dote vit­tima della cri­mi­na­lità è don Puglisi, bea­ti­fi­cato da papa Francesco.
E’ stato un modello di san­tità cri­stiana, con il suo impe­gno sacer­do­tale, la sua voglia di togliere i ragazzi dalla strada, il suo corag­gio sociale. Lui era un prete, un prete che la mafia voleva cac­ciare in sagre­stia, per­ché le mafie vor­reb­bero che non ci occu­pas­simo di loro. Atten­zione: don Puglisi viene ucciso per odio alla sua fede. Viene ucciso da un’altra chiesa, da un’altra reli­gione, la reli­gione della vio­lenza, che non tol­lera la vista del testi­mone dell’amore di Cri­sto. La reli­gione che ha messo il padrino al posto del padre. La mafia non ha nulla di cri­stiano. E’ signi­fi­ca­tivo quello che il 19 ago­sto 1993, venti giorni prima dell’omicidio di don Puglisi, in Ame­rica il col­la­bo­ra­tore Fran­ce­sco Marino Man­noia dice all’Fbi. Que­ste le testuali parole: ’Nel pas­sato la chiesa era con­si­de­rata sacra e intoc­ca­bile. Ora invece Cosa nostra sta attac­cando anche la Chiesa per­ché si sta espri­mendo con­tro la mafia’. Gli uomini d’onore man­dano mes­saggi chiari ai sacer­doti: non inter­fe­rite. E invece la Chiesa deve inter­fe­rire, deve farlo dove viene cal­pe­stata la dignità, la libertà delle per­sone. Ma per­ché Man­noia manda que­sto segnale? Per­ché il 9 mag­gio del 1993 nella valle dei Tem­pli Gio­vanni Paolo II aveva alzato improv­vi­sa­mente la voce per dire con forza che la mafia è incom­pa­ti­bile con il Van­gelo. Era un grido per scuo­tere, per invi­tare i sici­liani a non sco­rag­giarsi e a rea­gire. Ma era anche una con­danna chiara al gioco cri­mi­nale mafioso.

Lei ha citato le parole di Gio­vanni Paolo II. Dopo di lui, nel 2010, Bene­detto XVI a Palermo fece un altro forte appello.
Sot­to­li­neò con forza «la mafia strada di morte».

Nono­stante que­sti appelli non si può però non ricor­dare come spesso la Chiesa abbia guar­dato da un’altra parte.
Dob­biamo inter­ro­garci sui silenzi e le reti­cenze del passato.Aveva ragione padre Bar­to­lo­meo Sorge quando, lasciando Palermo dopo molti anni, lui arrivò dopo le stragi, fece una dichia­ra­zione che fa riflet­tere e che io con­di­vido, per­ché molte pru­denze, ritardi, sot­to­va­lu­ta­zioni e com­pli­cità sono pre­senti ancora oggi. Sorge disse: ’Mi sono sem­pre chie­sto per­ché que­sto sia potuto acca­dere, il silen­zio della chiesa sulla mafia. Non si potrà mai capire come mai i pro­mul­ga­tori del Van­gelo, delle bea­ti­tu­dini, non si siano accorti che la cul­tura mafiosa ne era la nega­zione’. Il silen­zio se ha spie­ga­zioni, non ha giustificazioni.

Come valuta la nomina del pm Raf­faele Can­tone all’Autorità anticorruzione?
Can­tone è una per­sona brava, gene­rosa e soprat­tutto com­pe­tente. Quindi ben­venga. Ma una nomina non basta, il pro­blema è più vasto. Le mafie hanno ripreso alla grande e con nuove moda­lità, hanno nuove stra­te­gie, usano nuove tec­no­lo­gie. Sono tor­nate a essere forti e in un momento di grande crisi eco­no­mica e finan­zia­ria loro hanno liqui­dità e inve­stono. Lo Stato, gli appa­rati isti­tu­zio­nali hanno fatto delle cose impor­tanti in que­sti anni, ma non sono suf­fi­cienti. Biso­gna met­tere in grado magi­stra­tura e poli­zia di agire meglio, con più stru­menti, uomini e mezzi. Forse ser­vono meno leggi e più legge. Biso­gna rive­dere i reati che nell’82 ven­nero defi­niti di mafia, per­ché nel frat­tempo le cose sono cam­biate. Allora non si par­lava di eco­ma­fie o di traf­fico di stu­pe­fa­centi con la forza con cui ne par­liamo oggi, non si par­lava della tratta di esseri umani, né del gioco d’azzardo. Quindi serve una let­tura molto più ampia rispetto ai reati e agli inter­venti che devono essere por­tati avanti.

Tratto da: ilmanifesto.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa