Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Caso Saverio Masi: lettera aperta a Leonardo Gallitelli

Opinioni

Caso Saverio Masi: lettera aperta a Leonardo Gallitelli

gallitelli-leonardo-web19 dicembre 2013
Illustre generale Leonardo Gallitelli (foto), Comandante generale dell'Arma dei Carabinieri, da diversi mesi ormai, stiamo seguendo con interesse ed apprensione le vicende relative al Maresciallo dei Carabinieri Saverio Masi attualmente in servizio presso il Reparto scorte di Palermo e testimone in delicati processi e indagini. Appare quantomeno strano che un investigatore con affermata esperienza e con alle spalle un lodevole servizio effettuato prima in Campania e poi a Palermo, sia stato estromesso dal Reparto Operativo. Un investigatore che pare invece avrebbe potuto arrestare, grazie al suo intuito investigativo e alla sua tenacia, addirittura Bernardo Provenzano già nel 2001, cattura che come è noto avvenne poi solo nel 2006, ad opera della Polizia di Stato.

Non solo, pare anche che fosse sul punto di prendere Matteo Messina Denaro già diversi anni fa. Un carabiniere che si è arruolato giovane proprio con il sogno di poter contribuire ad aiutare la sua terra, la Sicilia, a sconfiggere la mafia, catturando i boss latitanti e che svolgeva quindi il suo lavoro, che era ed è la sua vocazione, con la massima dedizione e impegno, oltre che capacità. Ora non si capisce quali siano le ragioni per cui un generale come Ganzer resta in servizio nelle sue funzioni fino alla pensione, malgrado una condanna a 14 anni in primo grado, ridotta a 4 anni e 11 mesi solo di recente, per narcotraffico (e con lui potremmo fare molti altri esempi), mentre il Maresciallo Masi viene mandato al reparto scorte per una vicenda penale decisamente irrisoria (un falso per l’annullamento di una sanzione stradale), oltre che controversa per il clima in cui è maturata. Certamente lui, in questo momento particolare, è prezioso per il Dott. Di Matteo, quale suo capo scorta, ma siamo certi che lo sarebbe ancor più se potesse collaborare con lui nelle indagini, appunto rientrando nel Reparto Operativo dell'Arma dei CC, al suo posto di battaglia nella ricerca dei latitanti e di Matteo Messina Denaro in particolare. Se ciò avvenisse, renderebbe grande onore all'Arma e contribuirebbe a lasciarne intatto il prestigio, perché l’atteggiamento punitivo che è stato adottato nei confronti del mar. Masi appare inspiegabile ai più e rischia di gettare ombre sull'intero Corpo.
Sappiamo bene, infatti, come le denunce e i rapporti del Maresciallo Masi vadano a toccare argomenti molto scottanti riguardanti le coperture alle latitanze di boss di primo piano di Cosa Nostra e la trattativa tra la mafia e pezzi dello Stato e sarebbe troppo facile pensare ad un legame tra le due vicende, ossia l'allontanamento di Masi dal Reparto operativo e la sua attività di investigatore scomodo per qualcuno. Un gesto quale il reintegro del mar. Masi al suo posto in ruoli investigativi sarebbe un segnale di chiara volontà di non nascondere niente e di fare chiarezza in assoluta serenità, oltre ad essere un atto, ritengo, di giustizia nei confronti di tutti noi.

ANGELA MANCA
Barcellona Pozzo di Gotto (ME)

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa