Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società “Berlusconi Decada”, la giunta vota a maggioranza

Opinioni

“Berlusconi Decada”, la giunta vota a maggioranza

berlusconi-disperatodi Nicola Tranfaglia - 4 ottobre 2013
Il voto a maggioranza della Giunta del Senato presieduta dal CinqueStelle Stefano dopo sei ore di camera di consiglio e un tentativo in extremis del PDL di stretta osservanza berlusconiana guidato dall'ex presidente del seanto Schifani - tuttora con un processo aperto a Palermo per concorso esterno a Cosa Nostra - ha segnato, dopo polemiche da due mesi al centro della politica nazionale, una prima tappa importante per la decadenza dell'uomo di Arcore dal parlamento italiano e per la futura incandidabilità. Entro venti giorni l'assemblea plenaria del Senato sarà chiamata a decidere definitivamente per il sì o il no alla decadenza di Berlusconi (foto).
Certo, all'imprenditore di Mediaset, fino a oggi protagonista indiscusso della politica italiana dal 1994, sarà consentito, come fa Beppe Grillo, di guidare dall'esterno la nuova Forza Italia che è stata appena rifondata. Ma non si può confrontare il ruolo del comico genovese con quello di Berlusconi nella destra populista italiana.
Il Cavaliere, al suo esordio, ha unificato fascisti di vecchia data e populisti-qualunquisti orfani dei partiti storici, dispone di un grande potere mediatico ed economico, è circondato da maggiordomi e camerieri che non possono facilmente sostituirlo per ottenere i voti di quella parte degli italiani ossessionati dalla sinistra, postcomunista e non, che lo ha battuto negli ultimi anni (tra il 1996 e il 2001 la prima volta, dal 2006 al 2008 la seconda). C'è il rischio che la sua presenza indiretta e attenuata faccia crollare e disperdere la rappresentanza di quella parte presente tra gli industriali, i professionisti e i ceti popolari che vogliono collocarsi a destra.

Di qui la battaglia furibonda per battersi contro la decadenza e giocarsi il tutto per tutto pur di evitarla. Questo lo sa lui ma lo sanno anche moltissimi dei parlamentari e degli uomini del PDL che hanno fondato la propria fortuna politica e personale sull'uomo solo al comando e che, dobbiamo dirlo, rinverdiscono una tradizione politica e culturale italiana che è ancora dura a morire e che si fonda sui metodi mafiosi così estesi nella nostra società, sui vizi risorgenti di clientelismo e trasformismo, sull'odio per la democrazia e per l'integrazione nell'Europa e nel mondo del ventunesimo secolo, contro i principi fondamentali della costituzione repubblicana.
Di qui l'importanza della  battaglia in corso e la soddisfazione perchè la prima tappa almeno oggi è andata in porto.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa