Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Il caso Berlusconi e i nostri media

Opinioni

Il caso Berlusconi e i nostri media

berlusconi-silvio-web0di Nicola Tranfaglia - 28 agosto 2013
Se si ha la pazienza di seguire la politica italiana sui quotidiani che amano e rispettano l’uomo di Arcore, tra cui non mancano testate importanti come, seppur solo in parte, il Corriere della Sera e, con maggior chiarezza, il Quotidiano nazionale e molti giornali regionali al Nord e al Sud a cui si aggiungono le maggiori testate dei canali televisivi berlusconiani e con qualche cautela anche quello Rai del primo canale, si ha l’impressione che ormai i problemi italiani siano quasi sul punto di risolversi. Non soltanto dal punto di vista economico (ma questo è vero soltanto parzialmente, se si pensa all’enorme debito pubblico e alla difficoltà di abbassare il carico fiscale per la grande  generalità degli italiani che lavorano o godono la pensione) ma dal punto di vista politico e istituzionale.
E su questo secondo aspetto che vale la pena fare un breve ragionamento che parte dai dati di fatto e mette da parte la tendenza di chi fa la politica per professione soprattutto nel centro-destra o di chi per altre ragioni non può scontentare i “santi in paradiso”.

Il ragionamento degli ottimisti sulla prosecuzione delle “larghe intese” anche nel 2014 e di un secondo governo Letta per alcuni anni (almeno fino al 2015, incomincio a sentire con sempre maggior decisione) si basa su alcuni presupposti dati per sicuri. Il primo è che il Capo dello Stato ,Giorgio Napolitano, al suo secondo mandato di presidente della repubblica, possa concedere la grazia senza una esplicita domanda degli avvocati onorevoli Longo, Ghedini e Coppi che seguono, con ruoli e pesi diversi, la difesa dell’ex presidente del Consiglio. Nessuno o quasi ricorda che proprio Napolitano, nella sua Nota del 13 agosto scorso, ha parlato soltanto delle pene principali. Ciò significa, in termini di valutazione precisa del testo che è da fare trattandosi di un documento ufficiale della prima carica dello Stato, che il Capo dello Stato non intende intervenire (come pure  potrebbe, dati  i suoi poteri). Il secondo aspetto da sottolineare è che, non presentando ricorso alla sentenza definitiva della Cassazione, gli avvocati della Corte di Appello decideranno sulle pene accessorie in novembre-dicembre 2013. Ma Napolitano ha detto con chiarezza che, senza domanda, non potrà intervenire,cancellando le pene accessorie. E dunque -anche da questo punto di vista- l’imprenditore di Arcore dovrebbe far domanda per quel che ha scritto il presidente della Repubblica. Ma così ammetterebbe le sue responsabilità nella frode fiscale e finora Berlusconi sta facendo di tutto perché la condanna sia semplicemente commutata in una pena pecuniaria (un corrispettivo in danaro calcolato per ogni giorno di detenzione) che egli è comodamente in grado di pagare.
Ma - ed è questa l’effettiva preoccupazione - per l’uomo di Arcore se la commissione parlamentare, sostituendo subito il relatore Augello, già in crisi, e il Senato votano la decadenza, la grazia del Colle, se non viene concessa prima del nove settembre, è inutile. Quanto alla Consulta, invocata non solo dall’on.prof. Violante ma anche dal prof. Manzella e da altri che si preoccupano sempre di più per le possibili reazioni politiche dell’imputato, potrebbe sempre giudicare inammissibile il ricorso e quindi allungare i tempi della decisione senatoriale. Già del resto è sempre più chiaro che il senatore Berlusconi, tenendo conto di un paese che, dal 2008 ad oggi, è precipitato nella classifica mondiale per il grado di corruzione pubblica al posto di 72mo paese, vicino a paesi africani che non dispongono di un sistema democratico e parlamentare,segue una doppia tattica: da una parte, si batte con i suoi avvocati per una commutazione della pena sia per quanto riguarda la pena principale che quelle accessorie, dall’altra, si dispone -se non ci sarà la grazia- a seguire quello che Grillo ha già attuato (con la differenza che non ha nessuna intenzione di restare come garante o capo ideologico) ma ritiene di potere, grazie ai mezzi economici e mediatici di cui continua a disporre,di continuare ad essere il leader effettivo della destra italiana. In questo senso, è vitale la divisione, nel centro-sinistra, che il nuovo segretario del maggior partito metta da parte le “larghe intese” che  poco hanno prodotto finora -è un dato oggettivo- sul piano politico e pensi piuttosto a costruire con il suo partito e tutte le forze  politiche e sociali disponibili, un’alternativa credibile nelle prossime elezioni del 2014. E’ difficile, almeno oggi, che si possa arrivare con l’attuale governo o una sua stanca riedizione all’anno delle elezioni europee.

In foto: Silvio Berlusconi

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa