Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società L'anomalia italiana

Opinioni

L'anomalia italiana

tranfaglia-nicola-web3di Nicola Tranfaglia - 26 febbraio 2013
L'anomalia italiana in Europa continua e si aggrava.
La coalizione di centro-sinistra, formata dal Partito democratico e da SEL, ha prevalso di stretta misura alla Camera ma non ha conquistato la maggioranza al Senato per la forte rimonta del PDL e l'affermazione straordinaria di Grillo.
E in questi tre aspetti ci sono le domande a cui rispondere dopo l'aspra campagna elettorale e il distacco sempre maggiore (o comunque molto forte) tra la società politica  e quella italiana.
Come si spiega la rimonta di Silvio Berlusconi, l'uomo che ha governato per la parte maggiore il ventennio populista dal 1994 ad oggi e che ha condensato nel binomio sesso e danaro la formula sostanziale del suo governo sempre carico di promesse quanto vuoto di realizzazioni adeguate ai tempi
difficili del ventunesimo secolo?

Per tre ragioni fondamentali, a mio avviso: la forza dei suoi media, le divisioni degli avversari a loro volta spesso personalisti come lui, il carisma purtroppo  ancora resistente presso le vecchie generazioni del Nord.
E il trionfo del populismo digitale e più moderno di Grillo?
La sua capacità di protestare per il livello e i perduranti criteri di selezione politica delle nostre classi dirigenti (non il merito ma la docilità e la sottomissione) e l'immissione di un numero rilevante di persone vergini dal passato nel nostro parlamento.
Sono elementi positivi da non  sottovalutare in un momento di così grave crisi economica, civile e morale della repubblica assediata dalle mafie, dalla debolezza dello Stato, dall'iperburocratismo che regge la pubblica amministrazione in ogni luogo. L'età populista non è affatto finita e Berlusconi rischia di sopravvivere a sè stesso quando ormai non è in grado di ripetere neppure le sue formule miracolose.
Ma non ha vinto lui, hanno perduto i suoi avversari e sono loro, ai quali noi ci sentiamo -malgrado tutto- più vicini che devono riflettere sugli errori che hanno compiuto non soltanto negli anni di governo del centro-sinistra che pure ci sono stati (dal 1996 al 2001 e dal 2006 al 2008, se non sbaglio) e sulla necessità di cambiare almeno in parte uomini e parole d'ordine per parlare a tutta la società e non soltanto ai propri partiti.
Se questo non avverrà, in questo e nel prossimo anno, correremo il rischio di vitalizzare di nuovo una destra che non è ancora riuscita a diventare degna dell'Europa e adeguata ai compiti difficili che attendono gli italiani a livello nazionale ed europeo.
Un famoso giornalista del primo Novecento, Luigi Barzini, scriveva molti anni fa che l'Italia resta sempre uguale a sè stessa. Non so se sia un'espressione in  tutto vera ma certo, se è così, non c'è da stupirsi che Berlusconi sia ancora in campo, che Grillo attragga le grandi masse con un programma diciamo molto scarno e che il centro-sinistra non  riesca a prevalere e a convincere la maggioranza degli italiani a lavorare per ricostruire un paese peraltro semidistrutto dal populismo becero che ci ha governato dal '94 al '95, poi dal '2001 al '2006 e ancora negli ultimi tre anni.

Visita: nicolatranfaglia.com/blog

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa