Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Il traffico di esseri umani, la sconfitta della nostra civiltà

Opinioni

Il traffico di esseri umani, la sconfitta della nostra civiltà

tranfaglia-nicola-webdi Nicola Tranfaglia - 8 settembre 2012
Le cifre ormai note sono impressionanti e vale la pena ricordarle - di fronte alla fretta e alle omissioni che caratterizzano nel nostro paese i canali televisivi (quasi tutti con eccezioni molto rare) e i nostri quotidiani di fronte alle sciagure ormai quotidiane che avvengono nel viaggio dei boat-people  che  percorrono il Mediterraneo per portare in Italia, spesso in condizioni terribili - una larga umanità  che viene da paesi in cui dominano  guerre, pulizie etniche, stupri di massa.

Migliaia di uomini, donne e bambini che finiscono nelle mani di organizzazioni criminali legate, oppure no, anche alle maggiori associazioni mafiose italiane o internazionali. 
Dal 1988 ad oggi, secondo i dati di Fortress Europe, sono morte nel tentativo di raggiungere l’Europa, alle sue porte, 18.455 emigranti, 2.352 soltanto l’anno scorso, nel 2011. “Non si può andare avanti così!”, ha detto Christopher Hein, direttore del Consiglio Italiano per i Rifugiati (CIR).
Se guardiamo anche all’ultima tragedia, avvenuta l’altro ieri a dodici miglia a largo di Lampedusa dove hanno perso la vita 58 persone in fuga dalla Tunisia, è evidente che è necessario stabilire modalità di accesso per quanti fuggono da violenze, guerre e persecuzioni: visti umanitari e reinsediamento, evacuazioni umanitarie. Decreti sui flussi che rispondano alle esigenze anche dei Paesi di origine.
Le migrazioni possono essere governate e non si può continuare a subirne l’evoluzione perché la conseguenza è corresponsabile di simili tragedie.             
“Quest’anno - afferma la portavoce dell’Alto Commissariato per i rifugiati dell’ONU, Anna Boldrini - il numero degli arrivati è drasticamente diminuiti perché siamo passati dai cinquantamila dello scorso anno a solo settemila arrivi ma a fronte di questa diminuzione negli arrivi, il numero dei morti e dei dispersi in mare nel tentativo di raggiungere l’Europa è quest’anno già adesso di 283 persone.”
La verità è che né l’Unione Europea né i singoli governi si impegnano adeguatamente nei compiti di soccorso e di assistenza alle persone che arrivano in condizioni disperate sulle loro coste. L’affare criminale internazionale sul traffico degli esseri umani procura ai suoi organizzatori un profitto di oltre 32 miliardi di dollari l’anno ed è una sfida che richiede un impegno coordinato dei governi e delle organizzazioni internazionali ma questo finora non è avvenuto né prima né dopo la grande crisi economica che da quattro anni flagella i paesi sviluppati come quelli in via di sviluppo.
Fino a quando non si arriverà a formulare un progetto e a stanziare le somme necessarie e i corpi di polizia necessari nulla potrà fermare il massacro che anno dopo anno caratterizza questo tormentato cammino di chi vorrebbe lasciarsi alle spalle guerre e violenze ed assicurare a giovani e donne una strada di vita con un lavoro onesto e con la possibilità di far crescere i propri figli.
L’Italia che non è ancora uscita da diciassette anni di dominio populista e attende le prossime elezioni generali politiche per poter sperare nella vittoria di un centro sinistra rinnovato e quindi  in una ricostruzione democratica del paese è da oltre centocinquant’anni al centro del compito storico di accogliere i profughi politici da tutto il Mediterraneo, ma per poterlo fare in maniera moderna ha bisogno di un forte impegno dell’Unione Europea e di sconfiggere i criminali che si inseriscono nell’emigrazione internazionale e fanno quell’ orribile traffico di carne umana che genera enormi profitti ma costituisce uno dei peggiori  casi di sfruttamento della miseria e dell’umanità che dovrebbe invece affratellare le donne e gli uomini del ventunesimo secolo.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa