Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Nient’altro che la verità

Opinioni

Nient’altro che la verità

flores-darcais-paolo-web2di Paolo Flores d’Arcais - 20 giugno 2012
Il Fatto ha qualche giorno fa avanzato interrogativi sul “mistero” delle telefonate a go go di Nicola Mancino (ex ogni potere) al consigliere giuridico del Quirinale per sollecitare un intervento presidenziale che intralciasse l’azione del Pubblico Ministero di Palermo che interrogava il Mancino come testimone (ora è anche indagato). Il Colle più alto ha dovuto ammettere il diluvio delle telefonate/rimostranze e una lettera assai discutibile del Quirinale al Procuratore generale della Cassazione, che pareva condividerne alcune.

Da allora, mentre questo giornale continua a pubblicare notizie e fatti sempre più inquietanti (che rendono più che opportuna – doverosa – la richiesta di Di Pietro di una commissione parlamentare di inchiesta) è tutto uno “stracciarsi di vesti” e un rincorrersi di anatemi. Domandiamoci allora chi è che sta compiendo il delitto di lesa maestà, il più grave (non a caso, storicamente, l’aggressione e la “bestemmia” contro il Sovrano costituiscono il reato capitale per eccellenza).

Chi è il Sovrano? In democrazia uno solo: i cittadini. Tu, e tu, e tu e io. La “sacralità” che deve circondare le istituzioni repubblicane si giustifica perché esse costituiscono gli strumenti attraverso cui il cittadino esercita il potere. Perciò, chi si trovi transitoriamente ai vertici delle istituzioni deve alla maestà dei cittadini tutti trasparenza e verità. Come minimo. Che il potere abbia il diritto di mentire è luogo comune della storia del pensiero politico. Ma troppi “machiavelli” un tanto al chilo dimenticano che si ha il diritto di mentire al nemico, e a nessun altro. Un potere (compreso il “quarto”, i media) che menta ai propri cittadini li tratta “ipso facto” da nemici e con ciò si fa esso stesso nemico mortale della democrazia. Sta mentendo al Sovrano, sta compiendo il delitto di lesa maestà.

Negli Stati Uniti d’America, dove l’istituzione “Presidente” è circondata quasi da venerazione, quando alcuni cittadini chiesero conto a Clinton di mezza menzogna pronunciata per tergiversare su un comportamento per altro lecito, non ci fu un solo giornale o una sola tv che giudicasse tale richiesta “risibile” . Clinton fu costretto a nominare un procuratore speciale, legato al partito avverso, e a rispondere in streaming a tutte le sue domande.

La libera informazione deve perciò continuare ad onorare la “sacralità” che è dovuta al Sovrano (i cittadini), pretendendo da ogni figura istituzionale di oggi e di ieri la verità, tutta la verità, niente altro che la verità.

Tratto da: Il Fatto Quotidiano

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa