Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Politica Georgofili, il teste scomparso e la donna delle stragi: l'Antimafia può trovare i pezzi mancanti

Opinioni

Georgofili, il teste scomparso e la donna delle stragi: l'Antimafia può trovare i pezzi mancanti

di Stefania Limiti
Nel 1993 la potenza di fuoco degli stragisti mafiosi colpì Firenze nel mese più dolce dell’anno, maggio. Un furgone imbottito di esplosivo saltò in aria nel cuore della notte tra il 26 e il 27 di quel mese in una magnifica via del capoluogo toscano dove sorge una antica istituzione, l’Accademia dei Georgofili.

Ora sappiamo dai resoconti della Commissione Antimafia che esiste un lavoro istruttorio svolto dal II Comitato, quello presieduto da Mario Giarrusso, e che nuove testimonianze e documenti sono stati acquisiti durante un sopralluogo a Firenze fatto dai consulenti dell’organismo parlamentare lo scorso 13 dicembre: si tratta di materiale relativo a “fatti e circostanze connessi alla strage di Via dei Georgofili del 27 maggio 1993”. Un lavoro investigativo riservato che potrebbe avere buon esito. Vedremo.

In questi anni molti hanno riflettuto, discusso o studiato le circostanze dell’ondata stragista di stampo mafioso arrivando a concludere che le incongruenze sono tante. Mancano pezzi. Nel caso della strage dei Georgofili: raccontano i pentiti di Cosa nostra che l’obiettivo era stato individuato “tramite le guide turistiche, i dépliant”, così disse Giovanni Brusca. E così pure Gaspare Spatuzza, il quale ricorda le pubblicità patinate: nella villa di Santa Flavia, raccontò al processo, c’erano Graviano, Tagliavia, Messina Denaro, Lo Nigro ed altri, lui entrò dalla porta secondaria: “Sul tavolo c’erano libri e fotografie di monumenti, ma loro avevano già fatto i soralluoghi”. In realtà, il pentito di Brancaccio, l’uomo che ammazzò don Pino Puglisi, parla, tutt’al più, di ciò che vide, ammette che era solo un soldato, “i capi erano gli altri”.

Che ne sa Gaspare di come venne ai boss la brutale ideale di assalire i monumenti del Continente? Nulla. Brusca disse che il malvagio proposito di mettere in ginocchio lo Stato a suon di bombe contro i beni artistici (furono colpite la chiesa del Velabro e quella di san Giovanni in Laterano a Roma, il Pac di Milano e prima ancora dei Georgofili un proiettile era stato lasciato nei giardini di Boboli di Firenze) era stata suggerita da tal Paolo Bellini, l’uomo rinviato a giudizio proprio pochi giorni fa per la strage di Bologna e che possiede una carta da visita davvero lunga e molto inquietante Dell’ideazione il maxi-pentito non sa nulla.

E poi Spatuzza che ne sa del fiorino bianco imbottito di tritolo lasciato quella notte in via dei Georgofili? Un testimone disse di aver visto il mezzo mezz’ora prima dell’esplosione, era seguito da una Fiat Uno bianca guidata da una donna. La donna delle stragi (come spiego nell’inchiesta La strategia dell’inganno pubblicata da Chiarelettere). Vedremo se il futuro porterà più luce.
(19 febbraio 2020)

Tratto da: ilfattoquotidiano.it

Foto © Guido Mannucci/Massimo Sestini

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa