Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Politica Don Ciotti: ''Lotta alla mafia non diventi esercizio retorico''

Opinioni

Don Ciotti: ''Lotta alla mafia non diventi esercizio retorico''

di AMDuemila
Il fondatore di Libera intervenuto durante il sit in a Montecitorio

"La mafia più pericolosa è la mafia delle parole, è immobilismo, la burocrazia, il promettere e non fare. La lotta alle mafie non può diventare un esercizio retorico, uno strumento di facile consenso". E’ un messaggio chiaro, conciso e diretto alle istituzioni, quello di don Luigi Ciotti. Il fondatore di Libera ha organizzato per questo pomeriggio un sit in davanti a Montecitorio per chiedere risposte concrete di giustizia per i famigliari delle vittime di mafia. "Centinaia di familiari di vittime innocenti delle mafie provenienti da tutta Italia si sono riuniti a piazza Montecitorio per un presidio dove è stato illustrato un manifesto con una serie di richieste di giustizia e di rispetto dei diritti stabiliti per legge. Mentre alla Camera si vota la fiducia al Milleproroghe frutto di faticosi compromessi - ha spiegato don Ciotti - noi siamo qui in piazza in silenzio ad esprimere la nostra sfiducia. Ma non dobbiamo mai dimenticare le cose positive di questi anni, vogliamo continuare a dare fiducia alla politica seria. Però noi dobbiamo alzare la voce quando qualcuno sceglie il silenzio. Non possiamo stare zitti e inermi". Nel manifesto illustrato in piazza si chiede alla politica di dare delle risposte alle istanze dei famigliari delle vittime. “Riteniamo sia una priorità modificare il senso stesso delle misure previste a favore delle vittime, in quanto ad oggi vengono definite 'benefici', mentre sarebbe giusto e culturalmente opportuno definirle diritti”, ha detto il fondatore del Gruppo Abele. "I familiari delle vittime meritano considerazione - ha sottolineato don Ciotti - e sono 25 anni che chiedono le stesse cose. Ora basta!”. Il messaggio è chiaro: più fatti, meno parole. Per questo la manifestazione indetta a Montecitorio non è solo un simbolo di protesta fine a se stesso contro la negligenza di una certa politica, ma è una chiara sollecitazione agli organi competenti fatta di richieste precise e concrete che devono essere una volta per tutte assecondate.

ciotti manif montecitorio c imagoeconomica 1362557

Ad esempio viene chiesto il riconoscimento dello status “vittima di mafia” anche “alle persone che hanno perso la vita a causa di eventi delittuosi di stampo mafioso in data antecedente al primo gennaio 1961 e per le quali ricorrano i presupposti per il riconoscimento medesimo; l'equiparazione delle vittime del dovere e delle mafie alle vittime del terrorismo, al fine di evitare ulteriori disparità tra le vittime in base alla tipologia dell'evento delittuoso; che riguardo all'estraneità della vittima e dei suoi familiari fino al 4 grado, così come previsto dalle norme, sia effettuata una valutazione caso per caso, relativamente alle frequentazioni del superstite e dei familiari della vittima e non sul grado di parentela". Inoltre Libera chiede che "in materia di prescrizioni e decadenze, previste anche da una recente circolare del ministero dell'Interno, sia fatta un'attenta ed urgente riflessione per evitare interpretazioni ingiustamente restrittive; un riordino ragionato di tutte le norme che disciplinano i diritti (benefici) previsti a favore delle vittime delle mafie, al fine di rendere effettiva la fruizione che rispetto ad alcuni punti fondamentali resta molto spesso solo sulla carta; così come chiediamo che i tempi della valutazione delle singole istanze non si dilatino a dismisura; che l'attenzione alla vittima venga posta al centro della riflessione del legislatore, al fine di rendere operative anche in Italia le direttive europee in materia di tutela della vittima e dei suoi familiari, ad essa equiparati, in particolare rispetto alla stessa posizione dei familiari delle vittime nel processo, visibilmente limitata rispetto a quella del reo, dato anche l'approccio reocentrico del nostro sistema processuale". Per ultimo va assicurato “sostegno alle vittime dei reati intenzionali violenti”.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...


PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa