Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Politica Il marchese Notarbartolo, la prima vittima di mafia e degli amici di Giolitti

Opinioni

Il marchese Notarbartolo, la prima vittima di mafia e degli amici di Giolitti

di Massimo Novelli
Un saggio di Ciconte ricostruisce il delitto del nobile e politico siciliano nel 1893: tutti assolti gli assassini

Lo hanno definito “un eroe borghese ante litteram”, il primo dei non tantissimi nelle vicende italiane dal 1861 a oggi. Come Giorgio Ambrosoli, il commissario liquidatore delle banche di Michele Sindona, fatto uccidere dal bancarottiere siciliano: “L’eroe borghese”, insomma, di un bel libro di Corrado Stajano. Ambrosoli era stato monarchico da ragazzo. Emanuele Notarbartolo di San Giovanni era un marchese, “proveniva da un’antica e nobile famiglia, i cui antenati figuravano in due diplomi di Federico III re di Sicilia nel lontano 1296”. Era naturalmente di “istinto conservatore” e “intransigente Notarbartolo, lo sapevano in tanti; onesto e fermo nelle sue convinzioni morali dalle quali non defletteva”. Non aveva ceduto da sindaco di Palermo, e tanto meno da direttore generale del Banco di Sicilia. Per queste ragioni fu assassinato la sera del 1° febbraio del 1893, in una carrozza di prima classe del treno che da Sciara lo stava riportando a Palermo. A ricostruire con accuratezza il caso Notarbartolo, su cui si sono esercitati con maestria anche Paolo Valera e Sebastiano Vassalli, è ora Enzo Ciconte, docente di Storia delle mafie italiane all’Università di Pavia e autore di diversi saggi sulla ’ndrangheta e Cosa Nostra. Il suo libro Chi ha ucciso Emanuele Notarbartolo? (Salerno) parte da un assunto, che è poi il sottotitolo del volume: “Il primo omicidio politico-mafioso”.
L’assassinio del nobile siciliano, in effetti, inaugurò la lunga serie di delitti compiuti dai sicari della mafia in collusione di affari o su ordine di poteri più o meno occulti, politici ed economici. I protagonisti in nero di allora, avverte Ciconte, “mostrano i tratti negativi di un potere e di una classe dirigente ampiamente intesa, che avranno modo di rivelarsi nella storia successiva dell’Italia liberale, fascista e repubblicana con un’incredibile e sorprendente continuità pur con gli evidenti e inevitabili mutamenti di uomini e di scenari”. L’eliminazione del marchese Notarbartolo, che aveva contrastato le consorterie politiche e affaristiche nel loro assalto della Sicilia, dalle banche alle terre, alle cariche pubbliche, rimase senza colpevoli. I più che probabili autori - cioè il politico Raffaele Palizzolo come mandante e Giuseppe Fontana come uno dei killer - furono assolti dalla Corte d’assise di Firenze nel 1904. E tutto ciò dopo che la Cassazione aveva annullato, per vizio di forma, le condanne a 30 anni inflitte ai due dalla Corte d’assise di Bologna. Rammenta Ciconte che sotto “un grande titolo, ‘La riscossa della maffia’, l’Avanti! commentava quello che stava succedendo… A Firenze Palizzolo era protetto dal ‘più cordiale degli amici di Giolitti’”. E di Palizzolo, alfiere della politica iper-regionalista, il giornale socialista “diede questo giudizio: ‘Egli è l’ambasciatore della maffia siciliana; egli è colui che tramutò la maffia da puro fenomeno di delinquenza e di degenerazione sociale in forza politica: egli fu colui che dette nelle mani di quella società a mal fare l’arma più terribile di dominio, superiore alla frode, alla corruzione, all’inganno, al coltello, al bastone: l’arma elettorale’”.

Tratto da: Il Fatto Quotidiano

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...


LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...

UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...


ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...

GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa