Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Politica 8 maggio 1992: muore buona parte del giornalismo antimafia libero

Opinioni

8 maggio 1992: muore buona parte del giornalismo antimafia libero

chiusura ora2di Sandra Rizza
8 maggio 1992. Chiuso l’ultimo numero, andammo tutti a cena all’hotel Patria per passare ancora una serata insieme. Si rideva e si scherzava, ma solo per non farci prendere dalla malinconia, per non piangere. Brindammo alla nostra sconfitta, poi qualcuno vomitò in un angolo, mentre a voce alta Gabriello Montemagno declamava una crudelissima esilarante poesia d’addio scritta da Silvia Ferraris. Era il funerale della nostra giovinezza e dei nostri sogni di cambiare il mondo da una postazione minuscola e battagliera a due passi da casa. Eravamo consapevoli che una formidabile esperienza di lavoro e soprattutto di vita era arrivata al capolinea. Ma non potevamo credere che L’Ora fosse veramente finito; era assurdo, impensabile, e molti di noi in cuor proprio erano ancora fiduciosi nel “salvataggio” di una testata così preziosa, di un patrimonio così importante per Palermo. Invece il “salvataggio” non ci fu, il Pds e i suoi dirigenti del settore editoria (s)ragionavano già all’epoca come ottusi ragionieri, inviarono sedicenti espertoni di giornali che disquisivano di costi e ricavi, decretando la fine de L’Ora, e forse nemmeno capirono cosa stavano distruggendo; il resto lo fece il cosiddetto milieu regionali: le (come sempre) paludatissime “forze imprenditoriali” della Sicilia si mostrarono indifferenti all’idea di rilevare e rilanciare il giornale come meritava; l’opinione pubblica incassò e presto dimenticò, travolta dalla stagione delle stragi che di lì a poco avrebbe insanguinato l’isola. Restammo solo noi, forse gli unici a capire cosa era stato e cosa avrebbe potuto ancora essere; isolati come “paria” dal Giornale di Sicilia che non volle mai aprire le porte a nessuno degli ex de L’Ora; additati con compassione e segreto compiacimento da quanti tra i colleghi avevano sempre disprezzato (e invidiato) il piccolo caotico quotidiano di piazzetta Napoli e la grande rivoluzione che aveva realizzato nel panorama stagnante dell’informazione siciliana, e poi anche nazionale, soprattutto riguardo al tema “mafia”. Restiamo solo noi, ancora oggi, forse gli unici a capire cosa è stato e cosa avrebbe potuto essere oggi questa isola e questo Paese se a raccontarlo ci fosse ancora quell’irriducibile incasinato fantastico maledettissimo L’Ora, la nostra scuola di giornalismo, di pensiero, e di libertà. La nostra storia.

P.S. Sono passati ventisei anni. Nessun convegno, nessun memorial, nessuna riflessione è mai stata organizzata a Palermo per ricordare L’Ora e la sua ignominiosa eutanasia di partito. Io sono disoccupata.

Tratto da: 19luglio1992.com

Le recensioni di AntimafiaDuemila

PADRINI FONDATORI

PADRINI FONDATORI

by Marco Lillo, Marco Travaglio

Quella del 20 aprile 2018 è una sentenza...

ITALIA OCCULTA

ITALIA OCCULTA

by Giuliano Turone

"Una storia nera. Una storia purtroppo vera. Italia occulta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa