Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Politica Caso Cutrò, le dichiarazioni del Prefetto non hanno nulla di ''tranquillizzante''

Opinioni

Caso Cutrò, le dichiarazioni del Prefetto non hanno nulla di ''tranquillizzante''

cutro ignazio vddi Gaetano Montalbano
Signori On.li Parlamentari,
Le dichiarazioni rilasciate da S.E il Prefetto di Agrigento, in merito alla decisione ridurre le misure di protezione per la famiglia Cutrò, non hanno nulla di “tranquillizzante” e non fugano certo i dubbi sui rischi che corre il Testimone di giustizia. Lo dico con tutto il rispetto dovuto alla Istituzione.

Le “approfondite valutazioni” che avrebbero portato alla “revisione in un'altra ottica dei meccanismi di protezione” probabilmente saranno state effettuate prima delle intercettazioni dell' operazione “Montagna”, dalle quali appare evidente che presunti ambienti mafiosi del territorio guardano proprio al momento nel quale lo Stato abbandonerà l'odiato Cutrò.

Omnia cum tempore”.

Revocare la scorta ai familiari di Cutrò significa infliggere, allo stesso, sofferenza morale, angoscia e sensi di colpa per una evidente sovraesposizione dei propri congiunti che diventano un obiettivo facile da colpire. Cutrò, infatti, a difesa della propria famiglia ha deciso di non utilizzare la scorta e muoversi da solo: “se devono farmela pagare colpiscano me e non la mia famiglia”. Di fatto, quindi, sia Ignazio Cutrò che la sua famiglia, al momento, circolano senza alcuna scorta.

Ecce Homo”, quindi. Lo abbiamo consegnato. Noi tutti. Chi con le azioni, chi con i silenzi.

Vediamo se effettivamente la nostra scelta, come io ritengo, è nella direzione giusta” dice S.E. il Prefetto di Agrigento ai giornalisti. Una frase che ha fatto tremare i polsi alla famiglia Cutrò. E se invece la scelta dovesse andare nella direzione sbagliata, quale sarebbe la conseguenza? Ognuno di noi provi ad immaginarla.

E' questo il trattamento che merita, dallo Stato, un uomo che ha denunciato in modo chiaro e netto la presenza mafiosa nel proprio territorio, che ha saputo offrire alla giustizia un contributo concreto ed avuto il coraggio di rompere il muro di omertà, in un contesto locale ad alto rischio con una presenza mafiosa che mai aveva subito l'onta della denuncia? Un uomo che ha deciso, nonostante i gravi rischi, di rimanere nel proprio territorio dimostrando così che la scelta di legalità non arretra e, al contrario, si radica in quegli stessi territori dominati dalla presenza mafiosa, facendo così in modo che siano piuttosto gli stessi boss mafiosi a sentirsi estranei al loro contesto abituale affaristico, politico e familistico.

Ignazio Cutrò è stato anche una guida per l'associazione "Testimoni di giustizia" ed insieme ad altri coraggiosi testimoni si è fatto carico di capire i limiti legislativi della normativa vigente ed ha sollecitato, anche energicamente, le istituzioni ad intervenire con un programma di riforme adeguato per superarne i limiti.

Tutelare adeguatamente Cutrò significa tutelare con forza il nostro territorio e la libertà di fare imprese in provincia di Agrigento e in tutta la Sicilia. Liberi dai soprusi mafiosi.

Invito, quindi, tutti i parlamentari regionali e nazionali dell'agrigentino ad esercitare una forte “moral suasion” affinchè quella della famiglia Cutrò e di tutti coloro che, come me, lo stanno sostenendo non rimanga una “vox clamantis in deserto” e le Istituzioni competenti, invece, adottino urgentemente i provvedimenti necessari a garantire la sicurezza e la serenità ad una famiglia coraggiosa, per bene e da sempre leale con lo Stato.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa