Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Politica Noi ci siamo

Opinioni

Noi ci siamo

orioles c joan queraltdi Riccardo Orioles*
La Sicilia ha una noiosa tradizione di presidenti di cui tutto si può dire meno che siano esageratamente antimafiosi. Di Cuffaro e Lombardo è inutile parlare. Di Crocetta... beh, lasciamo andare. L’ultimo, Musumeci, sarà onestissimo ma è sordo e muto. Dei suoi, chi insulta i giudici, chi vuole abolire l’Antimafia, chi esalta i mafiosi in piazza. Lui non vede, non sente, nente vitti nenti sacciu. E‘ un buon momento per la mafia in Sicilia, e non solo qui. E’ un momento peraltro (ci sarà relazione?) di coglionaggine epidemica fra gl‘italiani. Hanno chiuso le fabbriche, hanno tolto i diritti, i ragazzi scappano a frotte per paesi civili, e la “gente” non sa dire altro che “maledetti immigrati maledetti negri”. Come tedeschi o svizzeri dicevano a noi (smemorati) siciliani.
Non sono tanti, alla fine, ma i media e la politica li pompano per i loro affari. Parlare d’invasione sarà sbagliato, ma serve a non dover parlare di Marchionne.
E‘ facile prendere in giro gli italiani. I poveri sono milioni, ma a parte quel communista di don Ciotti (che li porta in piazza) non se li fila nessuno. I giovani, senza lavoro, senza famiglia propria, senza gioventù, li tengono buoni alla meglio con giocattolini e promesse. Durerà? Boh. A Napoli, per esempio, già si stanno ribellando. Non con la solita rabbia d’un momento ma facendo politica (“So pazzo!” ) ingenua ma costruttiva, a poco a poco, come i socialisti dell’ottocento. E noi? Noi siamo qui,come sempre. Serve a qualcosa? Sì, come in tutti i momenti di sbandamento. E’ il vecchio duro orgoglio siciliano. Quello che chiamavamo “dignità”.

*Tratto da: Il Foglio de I Siciliani Giovani (gennaio 2018)

Leggi
I Siciliani Giovani

Foto © Joan Queralt

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa