Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Politica Due esempi di schifo dell’italia di destra

Opinioni

Due esempi di schifo dell’italia di destra

padellaro antonio c imagoeconomicadi Antonio Padellaro
Due signori di nome Mario Landriscina e Gianfranco Miccichè ci hanno fornito un assaggio di quale schifo potrebbe essere l’Italia governata dal centrodestra, resuscitato nel sarcofago di Silvio Berlusconi. Landriscina è il sindaco di Como eletto con Forza Italia, Lega e FdI, la stessa coalizione che si prepara a marciare su Roma. Costui, con un’ordinanza da appendere sulla colonna infame delle infamie peggiori, vieta ai volontari della città di portare latte caldo ai clochard che hanno il loro ricovero di Natale sotto il portico di una chiesa. Spalleggiato da quella stessa maggioranza nella quale dopo aver “messo fuori legge anche Gesù” (parole della Caritas), già si sogna per Matteo Salvini una poltrona di ministro della Sicurezza, onde dare una sistemata definitiva a immigrati, rom, mendicanti e altra simile feccia dell’umanità.
Micciché, invece, è il nuovo presidente dell’Assemblea siciliana che nel discorso d’insediamento ha chiesto la “revisione” dell’Antimafia. Espressione che ha più compiutamente chiarito nel definire la detenzione di Marcello Dell’Utriinaudita cattiveria” (del resto non era lui che preferiva intitolare ad Archimede l’aeroporto “Falcone e Borsellino” di Palermo?). Ecco, di fronte al ritorno del Berlusconi ter o quater, chi preferisce cullarsi in maniera colpevole (o beota) immaginando un simpatico vecchietto tutto sommato innocuo e prodigo di regalie (l’abolizione del bollo auto) fa finta di non vedere che dietro il cartonato come sempre fasullo, si muove una falange famelica, vendicativa e negazionista (dei mafiosi e dei corrotti). Rafforzata dall’orda feroce del “cacciamoli tutti”, ben concimata nelle pontide leghiste e negli studi televisivi dell’odio. Che l’altra volta non c’era. Questo bel disastro è stato combinato da chi non ha voluto pervicacemente capire che sei anni fa la cacciata dell’ex Cavaliere da Palazzo Chigi non poteva e non doveva essere un regolamento di conti tra bande partitiche. Ma l’inizio di una rinascita per la democrazia repubblicana calpestata dall’uso padronale di governo e Parlamento. Quell’occasione storica è stata prima consumata dalla spietata austerità fatta pagare dai consolati Monti e Letta soprattutto alle fasce più deboli. Per essere poi ridotta a brandelli dall’arroganza del giovanotto di Rignano e quindi sacrificata sull’altare di uno sciagurato referendum costituzionale (senza contare i maneggi bancari di una degna corte dei miracoli). Nel vuoto di delusione e rassegnazione è così cresciuta rigogliosa la mala pianta del risentimento. E infatti si sente dire in giro: essere governati peggio è difficile. Così, dopo la semina di sinistra, il raccolto tocca alla destra peggiore. Caro Renzi, costringerci a vivere nell’Italia dei Landriscina e dei Miccichè sarà la tua colpa più grave e imperdonabile.

Foto © Imagoeconomica

Tratto da: Il Fatto Quotidiano del 21 dicembre 2017

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


THE TIME IS NOW

THE TIME IS NOW

edited by David Bidussa

Quanta sete di giustizia, quanta carica vitale, quanta...

I DIARI DI FALCONE

I DIARI DI FALCONE

by Edoardo Montolli

Le agende di Giovanni Falcone entrarono e uscirono...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa