Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Politica Ci vuole un'altra Ue di fronte al ritorno dei nazionalisti

Opinioni

Ci vuole un'altra Ue di fronte al ritorno dei nazionalisti

nazionalisti corsica 610di Nicola Tranfaglia
La vasta manifestazione che l'11 novembre scorso ha coinvolto i movimenti europei di estrema destra con più di sessantamila persone a Varsavia e quella di sabato scorso a Katowice in cui sono state esibite in piazza, in una sorta di gogna, le foto di sei deputati dell'opposizione polacca contrari alle nuove misure del governo sulla giustizia, sono sintomatiche dello Stato in cui versa oggi l'Europa. Da più anni il vecchio continente è teatro, spesso neppure del tutto consapevole, dell'ascesa di un nazionalismo sempre più radicale, riscontrabile in ogni fascia di età ma particolarmente evidente tra i giovani. Un nazionalismo che fa eco all'avanzata parallela e che non può dirsi ancora esaurita dell'islamismo radicale.
"La massiccia presenza a Varsavia di manifestanti provenienti da paesi dell'Europa centro-orientale - ha scritto sul quotidiano La Repubblica il presidente del movimento antirazzista europeo, Egam Benjamin Abtan - dimostra poi che siamo di fronte a una spaccatura nel cuore del nostro Continente che riporta a galla la contrapposizione tra oriente e occidente.
In particolare, i paesi ex comunisti si stanno sempre più allontanando dai modelli autoritari e tendono, a quanto pare, ad avvicinarsi a modelli autoritari. Alcuni di questi paesi si stanno addirittura preparando ad allontanarsi dall'Unione europea. Pericolo a cui si aggiunge quello di mettere in discussione l'unità del proprio Paese come, a quanto pare, è successo in Spagna con la regione della Catalogna. Nonostante l'attuale crisi del vecchio continente, l'elezione di Macron in Francia e la rielezione di Angela Merkel in Germania hanno aperto una finestra di indubbia opportunità. Questi due leaders che pure hanno i loro difetti, sono determinati a lavorare per il rafforzamento di un'Europa democratica e siamo di fronte perciò a una nuova e preziosa occasione per contrastare l'ascesa del nazionalismo e dell'islamismo radicale.
Alcuni degli slogan dei manifestanti di Varsavia incitavano, infatti, apertamente all'odio contro i mussulmani. L'obbiettivo del nazionalismo è semplice. Promuovere una nazionalizzazione che porti ad un faccia a faccia con l'islamismo, con cui condivide molti principi e distruggere le forze democratiche nel nostro continente. Anche l'antisemitismo ha giocato un ruolo centrale in questa manifestazione. D'altra parte, dalla Turchia alla Russia attraverso i Balcani, l'Ungheria e molti altri Paesi, è George Soros ad essere identificato come il nemico numero uno dei nazionalisti. Soros, il banchiere e il rivoluzionario i due stereotipi antisemiti riuniti in una unica persona. Di fronte a quanto sta accadendo, l'impegno di chi tiene alla democrazia, deve essere totale. In primo luogo è necessario ingaggiare una lotta ideologica contro il nazionalismo e l'islamismo estremista. In particolare è fondamentale non cadere nell'inganno che entrambi ordiscono al fine di trascinare l'Europa che entrambi tanto desiderano.
Dimostrare unità in ogni paese e regione di Europa, specialmente tra Est e Ovest, così da non lasciare l'Unione europea e l'intero continente in una sorta di frattura insanabile.
Allo stesso tempo dobbiamo rimettere i giovani al centro di un progetto politico condiviso perché è tra loro che i nazionalisti e gli islamisti raccolgono la maggior parte dei propri adepti e sono proprio i giovani a poter contribuire in modo sostanziale a poter contribuire in modo sostanziale a garantire in modo sostanziale un futuro per l'Europa. Infine, dobbiamo concorrere alla creazione di una società civile europea, all'elaborazione di una identità comune, in particolare tramite l'incremento della circolazione dei giovani e grazie ad istituzioni capaci di supportare la democrazia.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa