Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Politica Dna, il Procuratore: tra Stato e mafia la trattativa c'è stata

Opinioni

Dna, il Procuratore: tra Stato e mafia la trattativa c'è stata

roberti franco da espressodi Franco Roberti*
“Non c’è alcun dubbio, infatti, che ci sia stata una trattativa tra Stato e mafia in quell’anno. Lo ha già affermato la Corte d’appello di Firenze nel processo per la strage di via dei Georgofili e gli atti giudiziari mi pare lascino poco spazio ai dubbi. Ora non resta che attendere con fiducia l’esito del processo in corso a Palermo, diretto a verificare se quella vicenda possa essere ricondotta nella fattispecie giuridica contestata di violenza e minaccia al corpo politico dello Stato”. Non usa mezzi termini il Procuratore nazionale antimafia, Franco Roberti, nel suo libro “Il contrario della paura” (Mondadori), scritto assieme a Giuliano Foschini.
“L’accertamento su cosa accadde in quegli anni, se e con chi la mafia trattò, deve essere fatto – prosegue Roberti –. Su questo non ho dubbi: il processo sulla trattativa è un processo doveroso. Poi dirà la Corte se è anche giuridicamente fondato.
So che sull’argomento si dibatte molto. È vero, il processo deve accertare le responsabilità penali di determinati soggetti. La realtà storica invece deve essere ricostruita dagli storici. Ebbene, l’accertamento giudiziario non esaurisce la vicenda storica, ma sicuramente contribuisce a ricostruirla. Oggi sappiamo molto grazie alle sentenze e ai processi che sono in corso, ma forse c’è una parte che deve ancora essere trovata e scritta. Vogliamo non farlo? Vogliamo dire che quelle vicende non fanno parte della storia del nostro paese? Vogliamo lasciarle soltanto agli storici? Nessuno potrà fare mai veri passi in avanti senza i mezzi di indagine propri del processo penale.
Io sono portato a sostenere che non ci può essere verità senza giustizia: lo statuto della verità presuppone il rigore e le garanzie della ricostruzione giudiziaria. Non c’è giustizia – e quindi non c’è verità – fuori del processo”.
“Ancora oggi – conclude il Procuratore nazionale antimafia –. la storia d’Italia è controversa su alcuni punti e rimarrà tale perché è mancato il supporto dell’accertamento giudiziario. Non sappiamo ancora perché è stato abbattuto il Dc-9 dell’Itavia nel cielo di Ustica. E sono passati 35 anni. Dobbiamo fare tutto quello che è possibile per sapere il perché delle stragi mafiose del 1992-93, per illuminare aspetti ancora oscuri sui responsabili di quelle terribili vicende. Questo è il nostro dovere. Per restituire ai cittadini fiducia nelle istituzioni, quella fiducia che è indispensabile per trovare, tutti assieme, il coraggio di farla finita con il potere mafioso”.

* Procuratore nazionale antimafia

Tratto dal libro “Il contrario della paura” (Mondadori)

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta