Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Politica La Commissione Antimafia e i giornalisti minacciati

Opinioni

La Commissione Antimafia e i giornalisti minacciati

fava claudio c sf 3di Claudio Fava*
La prima relazione che la Commissione Antimafia dedica, nei suoi 50 anni di attività, al rapporto tra mafie e informazioni non è un titolo di merito ma il segno di una necessità. Per le cifre che la cronaca ci consegna, tre giornalisti minacciati ogni due giorni con un incremento quasi esponenziale negli ultimi anni. E per la realtà di un mestiere in cui non basta assumersi, spesso in solitudine, il fardello del rischio ma occorre farsi carico anche di una precarietà umiliante.

Metà dei giornalisti che hanno ricevuto segnali di “attenzione” da parte delle mafie non hanno nemmeno un contratto, vengono ricompensati con pochi euro ad articolo, a volte non sono nemmeno iscritti all’Ordine: giornalisti di fatto ma non di nome, per i rigidi formalismi della nostra legge.

C’è una parola che li racconta e ne descrive la fatica e l’isolamento professionale: freelance. Ossia senza patria, senza cittadinanza nella professione, invisibili, clandestini. Per tutti, tranne per quelli che li vogliono costringere al silenzio con ogni mezzo.

Solo un dato di cronaca: tre degli otto giornalisti uccisi in Sicilia – Alfano, Rostagno e Impastato – non erano nemmeno pubblicisti. Abusivi ai sensi di legge. Ma considerati talmente bravi e dannosi per Cosa Nostra da doverne ordinare la soppressione.

La relazione dell’Antimafia non ha voluto raccontare quei morti per evitare il rito delle celebrazioni, appagante ma ripetitivo. Ha scelto di raccontare i vivi dando loro la parola, raccogliendo decine di audizioni e centinaia di ore di verbali.

Volevamo che fosse il loro sguardo a guidarci lungo le trincee spesso sconosciute di questo mestiere. Molti di loro hanno nomi ignoti, nessun rotocalco s’è mai occupato delle loro storie, nessun riflettore s’è acceso sui loro rischi: eppure se l’informazione in Italia resta uno degli strumenti di racconto e denuncia più efficaci nei confronti delle mafie, è a quei giovani cronisti che lo dobbiamo.

E non sono le dieci righe di solidarietà che li rincuoreranno alla prossima minaccia: per farli uscire da quel cono di rischio e d’ombra occorre una sola cosa, mettersi sulle spalle le storie che loro raccontano, farle diventare di tutti, narrazioni popolari e diffuse, non affidate alla caparbietà di pochi.

Così non è. Non sempre almeno. Il comunicato di solidarietà non si nega a nessuno ma la scelta di condividere quei loro racconti è più complicata. Anche su questo la relazione riferisce, documenta, spiega. E dà conto di quella parte d’informazione – per fortuna limitata – che ha scelto la via comoda della reticenza, se non del fiancheggiamento mafioso.

Storie di silenzi editoriali lunghi e opachi che abbiamo ricostruito grazie alla voce di chi quei silenzi li ha subiti sulla propria carne o attraverso i molti atti giudiziari che documentano e dimostrano le aree di contiguità tra alcuni giornali e le cosche mafiose.

Storie ricostruite sempre con nomi e cognomi, chi rischia e chi tace, perché una indagine sul giornalismo e la mafia non poteva permettersi il lusso dell’allusività, della diplomazia o – peggio – della reticenza. Il 2 marzo la nostra relazione è stata approvata alla Camera all’unanimità, buon segno per il paese: purché non resti solo un atto di cortesia istituzionale.

*Vice presidente Commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere

Relazione sullo stato dell’informazione e sulla condizione dei giornalisti minacciati dalle mafie

Ossigeno per l’informazione

Tratto da: liberainformazione.org

Foto © S. F.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...

TI MANGIO IL CUORE

TI MANGIO IL CUORE

by Carlo Bonini, Giuliano Foschini

Un'inchiesta sull'abisso non ancora esplorato della Società foggiana,...


IL LIBRO NERO DELLA LEGA

IL LIBRO NERO DELLA LEGA

by Giovanni Tizian, Stefano Vergine

La truffa milionaria ai danni degli italiani, le...

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

by Fabio Federici

Oggi la presenza della Mafia Nigeriana in Italia...


LA PAURA NON PERDONA

LA PAURA NON PERDONA

by Luigi Leonardi

Come si combatte dall’interno il sistema in cui...

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

by Vincenzo Cuomo, Gianfranco Milillo

In un paese come l’Italia, in cui è...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa