Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Attualità Foggia, non restiamo indifferenti

Opinioni

Foggia, non restiamo indifferenti

di Sandro Ruotolo
La guerra di mafia che imperversa nel foggiano ci impone una riflessione.
Sapete tutti che Libera, con don Luigi Ciotti, ha promosso una mobilitazione per venerdì 10 gennaio a Foggia per rispondere alla violenza criminale di questi ultimi giorni.
L’appello è rivolto alla società civile, “per chiamare il male per nome e non girarsi dall’altra parte, perché il male non è solo di chi lo commette ma anche di chi assiste senza far nulla per contrastarlo”.
È un appello drammatico, perché coglie la questione centrale. La lotta alla mafia non può riguardare solo le forze che istituzionalmente sono preposte a combatterla. Se non diventa questione democratica, se non coinvolge il tessuto sociale e politico, è una battaglia che perderemo.
C’è una massima che adatto sempre: “La democrazia non si esporta”. Vale per le guerre in nome della democrazia (la democrazia non si impone con le bombe), ma vale anche per la lotta alle mafie.
Dobbiamo fare rete, insistere, coinvolgere tutti, dalla scuola alle parrocchie, a tutti i punti di riferimento: associazioni e comitati, presenti sui territori. È una battaglia di libertà.
Certo, non si può chiedere a chi vive nei territori dove vige la dittatura delle mafie di ribellarsi, se non c’è contemporaneamente una presenza costante dell’apparato repressivo dello Stato.
Non è omertà, è paura, se resti solo, se non vedi in giro le divise, le macchine dei carabinieri o della polizia, e resti indifferente. Ma oggi non possiamo dire che lo Stato non faccia la sua parte, con continuità nel reprimere il crimine, ma non basta, evidentemente.
Anche qui, come in altre aree del Paese, le famiglie criminali si riproducono. Vinceremo questa battaglia quando la società civile si ribellerà, quando ognuno di noi farà la sua parte.
C’è bisogno di fare rete, c’è bisogno di investire nella scuola, c’è bisogno di cultura. La conoscenza è l’unica nostra arma. Nessun eroe ma tanti resistenti.
La manifestazione del 10 gennaio a Foggia è solo l’inizio di un percorso che tutti, ma proprio tutto, dobbiamo intraprendere.
Non si deve restare indifferenti.
(7 gennaio 2020)

Tratto da: liberainformazione.org

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa