Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Attualità Sozzoni

Opinioni

Sozzoni

di Marco Travaglio
Mentre la casta stampata e politica si fa le pippe sul “nuovo” partito di Renzi, una natura morta comicamente ribattezzata Italia Viva, due voti della Camera riportano tutti sulla terraferma. Un voto salva il cosiddetto onorevole Diego Sozzani (FI) dagli arresti domiciliari. E un altro cancella le prove della sua corruzione, negando ai giudici il permesso di usare le intercettazioni che lo immortalano a chiedere tangenti. Il salvataggio dalle intercettazioni si deve ai suoi compari di FI&Lega, ma anche al Pd che, prima in giunta e ieri in aula, ha votato contro la richiesta del gip di Milano. Il salvataggio dall’arresto, oltreché al centrodestra, si deve a 50 deputati determinanti del Pd (zingarettiani o renziani fa lo stesso) che hanno disobbedito al partito e, nel segreto dell’urna, si sono uniti ai forzaleghisti per mettere Sozzani al riparo dalle manette. Del resto, solo il Pd poteva dire sì all’arresto di un sospetto tangentista e no ai nastri che dimostrano le sue tangenti: se fai sparire le prove, in base a cosa lo arresti? Il solo gruppo contro l’impunità è il M5S. A cui i cecchini Pd inviano il primo avvertimento: non crediate che, alleandoci con voi, ci siamo convertiti alla Costituzione, anzi restiamo immuni dal contagio legalitario.
Ora, il Parlamento non ha alcun potere di sindacare la validità di una prova o la fondatezza di un arresto: questo, per legge e Costituzione, spetta solo al giudice. E il gip ha già deciso che le intercettazioni (anche col trojan) sono legittime e che Sozzani va arrestato, come gli altri 43 indagati dell’inchiesta “Mensa dei poveri” su mazzette e appalti truccati in Lombardia. Il Parlamento doveva solo appurare l’esistenza o meno di un fumus persecutionis contro Sozzani: fumus piuttosto improbabile, visto che 43 suoi coindagati - non avendo la fortuna di essere deputati – sono agli arresti da mesi e visto quel che diceva il nostro eroe all’imprenditore Daniele D’Alfonso alla vigilia delle elezioni 2018: “L’eventuale tuo aiuto quanto potrebbe essere? La cifra finale?”. E poi, una volta eletto, al ras forzista Nino Caianiello: “Sto cercando i soldi perché è una fatica! 15 anni fa qualcuno veniva lui di sua sponte da me a dirmi ‘se entri in quel partito, che posso fare?’. Adesso non si può più mettere le mani… mi inginocchio per chiedere 3 lire! 3mila, 5mila, 10mila, quando avevo bisogno 100mila!”. I 357 e i 309 no ai giudici, con standing ovation finale, sono un messaggio forte e chiaro agli italiani, lo stesso inviato nel 1993 dalla Camera che salvò Craxi (e lo espose alle monetine): cambiano i governi e le maggioranze, ma la Casta è sempre la Casta. La legge non è uguale per tutti. Noi siamo noi e voi non siete un cazzo.

Tratto da: Il Fatto Quotidiano del 19 Settembre 2019

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa