Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Attualità Incredibile nuovo attacco a Paolo Borrometi. Insulti anche al nonno defunto

Opinioni

Incredibile nuovo attacco a Paolo Borrometi. Insulti anche al nonno defunto

di Paolo Borrometi
Sono incredulo ed esterrefatto, provo grande vergogna per un “giornalista”. Per tentare di attaccare me e le mie inchieste giornalistiche, ha pubblicato dei gravissimi insulti su mio nonno, purtroppo morto da anni. Ci stanno provando in ogni modo, prima con le minacce, poi con gli attentati scoperti dalle Forze dell’Ordine, adesso con questo vergognoso attacco familiare.
Questo “giornalista” (che non voglio neanche citare per nome), è già stato agli arresti domiciliari fino a qualche mese fa (secondo l’accusa faceva attività di delegittimazione contro alcuni giudici in cambio di denaro). Provo vergogna per lui. E sapete perché? Per difendere, con un articolo, un deputato condannato (e rientrato in parlamento a dieci mila euro al mese): ovvero il condannato Giuseppe Gennuso (quello che parenti e amici del boss chiamavano “Il Santo nostro”).
Spero che l’Ordine dei Giornalisti voglia intervenire, io ovviamente lo querelerò.
Perché così non se ne può più.
Prendetevela con i vivi, prendetevela con me se riuscite a smontare le mie inchieste giornalistiche, non con chi purtroppo non c’è più. Non con i nonni morti.
Però cari amici e lettori sta a voi decidere da che parte stare, sta a voi decidere se sia possibile ed accettabile tutto ciò.
Come vedete il “male” fa sempre squadra, facciamo squadra fra persone per bene.
Ve lo chiederò fino all’ultimo respiro: schieratevi, decidete da che parte stare. Non si può rimanere indifferenti o in silenzio davanti a questo schifo.

Tratto da: articolo21.org

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Forse la mia colpa è essere ancora vivo?

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa