Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Attualità Senza scorta

Opinioni

Senza scorta

di Gian Carlo Caselli
Borsellino e Falcone sono stati celebrati come eroi solo dopo la strage. In vita sono stati lasciati soli e privi di mezzi.

Nicola Morra è all’origine della decisione di desecretare l’audizione di Paolo Borsellino dell’8 maggio 1984 avanti alla Commissione parlamentare antimafia dell’epoca.
Una decisione assai meritoria e preziosa, perché consegna all’attenzione e allo studio di tutti uno straordinario spaccato di quella che è stata per lunghissimo tempo la realtà del contrasto alla mafia.
Emerge innanzitutto una verità oggi quasi dimenticata: Borsellino (e Falcone) vengono celebrati come eroi soltanto dopo la strage che li ha uccisi, mentre in vita sono stati spesso lasciati soli e privi di mezzi, quando non osteggiati, denigrati e attaccati.
Ascoltando le dichiarazioni di Borsellino all’Antimafia è poi di tutta evidenza che la forza di Cosa nostra (come delle altre mafie che da secoli impestano l’Italia) non è soltanto “interna”: vale a dire che deriva sì dalla sua spietata organizzazione criminale, ma è anche – se non soprattutto – “esterna”, vale a dire che un peso decisivo hanno le sottovalutazioni, le connivenze e le complicità che ne segnano la storia.
Così “storicizzate”, le terribili dichiarazioni di Borsellino, incontrovertibile causa di sdegno profondo per tutti coloro che hanno a cuore la convivenza civile, assumono anche le cadenze di un libro di storia che disvela e denunzia la irresistibile tendenza di oscuri poteri antidemocratici a tenere il funzionamento della giustizia sotto i limiti della decenza.
Così lo “sfogo” di Borsellino aiuta a comprendere meglio, in tutta la sua dirompente portata, la “banalità” quotidiana delle disfunzioni che hanno caratterizzato l’antimafia in una fase in cui era considerato financo sconveniente parlare di “lotta”.
A fronte di una eccezionale mole di lavoro – il primo maxi-processo – ecco i computer che non ci sono o non funzionano; ecco un personale ausiliario (senza del quale nessun ufficio giudiziario può funzionare, così come nessun ospedale può operare senza infermieri) insufficiente, mentre non ci sono soldi per lo straordinario; ecco soprattutto la sicurezza dei magistrati più esposti ridotta ad una farsa oscena e sconfortante. Nonostante vi fosse già stata una sequenza impressionante di magistrati antimafia uccisi: Terranova nel 1979, Costa nel 1980, Chinnici (capo di Falcone e Borsellino) nel 1983.
Del resto, che la sicurezza dei magistrati antimafia non fosse in cima ai pensieri dei potenti dell’epoca emerge chiaramente da un episodio poco noto quanto emblematico: l’invito rivolto a Chinnici di desistere dalle indagini sui “Cavalieri del lavoro di Catania”. Invito rivolto da Salvo Lima, “proconsole” di Andreotti in Sicilia, e disatteso dall’onesto magistrato, per singolare coincidenza ucciso poco tempo dopo.
Infine, occorre accennare – a gloria della magistratura tutta – che la solitudine evidenziata da Borsellino non era “esclusiva” dei giudici siciliani. Si pensi a Mario Amato, trucidato dai Nar nel 1980. Anche per lui non si era trovata un’auto blindata. Per cui venne consegnato inerme alla vendetta dei criminali fascisti, che lo lasciarono sul terreno con in evidenza la suola bucata di una scarpa: indimenticabile simbolo del coraggio di un altro grande uomo.

Commissione parlamentare antimafia: le audizioni inedite di Paolo Borsellino

Huffington Post, il blog di Gian Carlo Caselli

Tratto da: liberainformazione.org

Foto © Shobha

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...

TI MANGIO IL CUORE

TI MANGIO IL CUORE

by Carlo Bonini, Giuliano Foschini

Un'inchiesta sull'abisso non ancora esplorato della Società foggiana,...


IL LIBRO NERO DELLA LEGA

IL LIBRO NERO DELLA LEGA

by Giovanni Tizian, Stefano Vergine

La truffa milionaria ai danni degli italiani, le...

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

by Fabio Federici

Oggi la presenza della Mafia Nigeriana in Italia...


LA PAURA NON PERDONA

LA PAURA NON PERDONA

by Luigi Leonardi

Come si combatte dall’interno il sistema in cui...

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

by Vincenzo Cuomo, Gianfranco Milillo

In un paese come l’Italia, in cui è...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa