Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Attualità Il caso Sarti

Opinioni

Il caso Sarti

di Liana Milella
Giulia Sarti merita un pensiero. Per l’aggressione violenta e tutta mediatica che sta subendo. Ma anche per il comportamento di una parte dei 5S nei suoi confronti. Una violenza a cui certo le donne non sono nuove. Sue vecchie foto intime finite perfino su WhatsApp. Giulia l’ho conosciuta, nella scorsa e in questa legislatura, come una parlamentare molto intransigente sulla giustizia. Dura contro i corrotti e contro chi sporca la politica. Poi, all’improvviso, una storia di bonifici fatti e non pervenuti macchia la sua stessa intransigenza. Lei denuncia il suo ex. La storia sembra chiusa. Si ricandida, è eletta. Diventa presidente della commissione Giustizia della Camera. Ma la sua denuncia viene archiviata. La storia riesplode. Dimissioni da presidente. Annunci di espulsione dai 5S. Come sono soliti fare, come hanno fatto, senza troppe spiegazioni, né approfondimenti. Lei tace. Ricorda solo che a M5S ha dedicato “gli ultimi 12 anni della sua vita”. A fronte del suo silenzio invece è assai loquace il suo ex fidanzato. Che gestiva totalmente i suoi conti. Perché Giulia, per come la racconta chi la conosce bene e ha lavorato con lei, è fatta così, vive per il Movimento, non ha tempo per altro, e non controlla ciò che gli altri fanno per lei. Anche se, com’è accaduto, con i suoi soldi il compagno di allora poi mantiene un’altra donna, e lei lo scopre solo controllando i bonifici. Per questo è il caso di riflettere sul caso Sarti. Perché, proprio per averla conosciuta, non credo che possa aver infranto una regola di M5S per quattro soldi. Per la semplice ragione che M5S è la sua ragione di vita. Molto più di un presunto fidanzato di passaggio. Del quale, certamente e sbagliando, lei si è fidata.

Tratto da: milella.blogautore.repubblica.it

Foto © Miguel Gutierrez Jr. / The Texas Tribune

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


BLOODY MONEY

BLOODY MONEY

edited by Massimiliano Virgilio

Un sistema di corruzione politica che ruota intorno...

PROFONDO NERO

PROFONDO NERO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Erano gli anni Settanta. Il giornalista De Mauro...


CASAMONICA

CASAMONICA

by Nello Trocchia

È il 20 agosto 2015 quando per la...

UN'AVVENTURA SINDACALE

UN'AVVENTURA SINDACALE

by Anna Vinci

Figlia di madre nubile, nata e cresciuta in...


PECUNIA NON OLET

PECUNIA NON OLET

by Alessandro Da Rold

"Seguite i soldi, troverete la mafia".Giovanni Falcone"Se ‘Vituzzu’...

IN CULO ALLA MAFIA

IN CULO ALLA MAFIA

by Emanuele Cavallaro

È un testimone di giustizia. Che non è...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa