Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Attualità Giustizia non solo diritto astratto, Sebastiano Ardita: la legalità in Sicilia, i principini Uzeda e i dannati di mafia

Opinioni

Giustizia non solo diritto astratto, Sebastiano Ardita: la legalità in Sicilia, i principini Uzeda e i dannati di mafia

ardita sebastiano c imagoeconomicada ienesiciliane.it
Riprendiamo da "La Sicilia" di oggi 3 febbraio 2019

di Sebastiano Ardita*
Parlare di legalità in Sicilia è arduo e si rischia dire insensatezze e ovvietà. Le regole, in una democrazia, sono tutto. Creano le condizioni di uguaglianza e dovrebbero assicurare la convivenza pacifica. Eppure alcuni dei doveri più semplici - pagare le tasse, rispettare le autorizzazioni e i divieti amministrativi - sono ignorati e a volte neppure conosciuti da molti cittadini. La loro importanza andrebbe spiegata, con l’esempio, da chi ha responsabilità pubbliche e potere economico; il loro rispetto incoraggiato da gesti di solidarietà. Perché è più semplice dirsi rispettosi della legalità quando si vive nel benessere. Un giorno Paolo Borsellino, quando era ancora pretore, acquistò del pane da un carretto per la strada. L’ambulante lo riconobbe e gli disse: "Dottore lei mi ha condannato perché vendevo il pane senza licenza e ora si compra il pane da me...? Ma io glielo regalo con tutto il cuore". Borsellino lo guardò negli occhi per un istante e poi lo abbracciò.

In quell’abbraccio c’era tutto: non la deroga alle regole - che erano state applicate - ma la comprensione per chi sopravvive alla povertà. Quell’abbraccio era un gesto solidale, e per tutti noi l’insegnamento a riflettere sul senso non formale della legalità.

Vi è infatti una legalità che asseconda i cambiamenti sociali, che riavvicina gli ultimi a una condizione di decenza, che accoglie e coinvolge tutti, come dovrebbe accadere in democrazia: ed è quella che appare più distante per chi vive ai margini. Le istituzioni vengono avvertite “lontane” perché spesso non offrono opportunità, frustrano le speranze dei giovani. E così troppe volte, dinanzi all’illegalità dei quartieri, ci si affida solo alla repressione. Assistiamo ad operazioni di polizia che portano in carcere spacciatori e malavitosi, e ciò a molti appare sufficiente per riaffermare che la legalità esiste ed è stata ristabilita. Dobbiamo però impedire che essa venga intesa come schermo formale dietro il quale si riparano i benpensanti, i fortunati, coloro che decidono le sorti degli altri. Così infatti aumenta il solco nelle nostre città, dove nel centro ricco e opulento troviamo chi parla il politicamente corretto e sfoggia le sue belle idee di progresso; e magari utilizza gli slogan antimafia scagliandoli verso i quartieri che ingrossano le fila di Cosa Nostra. Mentre più giù, nella periferie, cresce la diseguaglianza con la rabbia e il desiderio di rivalsa dei “dannati di mafia”.

Qualche giorno fa a Catania un’operazione di polizia ha portato in carcere diverse persone, tra cui alcuni ragazzini di San Cristoforo, cuore popolare della città. Ignoranza, spregiudicatezza e cattive compagnie avevano convinto questi giovani disgraziati che lo spaccio della droga fosse meglio del lavoro. Nessuno può giustificare quella scelta ed è giusto che paghino per avere violato la legge. Ma questo non deve bastare agli abitanti della città bene per sentirsi più sicuri e rinfrancati. Quella scena di giovani emarginati in manette sarebbe finita sotto silenzio se un giovane de “I Siciliani” non avesse riassunto con poche parole, di sapore verista, l’ingiustizia, nel caso di Catania: "I ragazzini di San Cristoforo ammanettati e incarcerati, i boss mafiosi che fanno affari coi soldi della droga e i figli della Catania bene indaffarati a cercare un altro posto dove comprare l’erba e la coca, prima di andare a una festa, prima di farsi uno spinello sotto la Luna, davanti al mare".

Riviviamo in tempi moderni il racconto delle scorribande del principino Uzeda - sempre immune dalle conseguenze delle sue bravate - e il senso di frustrazione degli ultimi che, ieri come oggi, ci appaiono frequentatori irrilevanti di cabine elettorali, sudditi e non cittadini, spettatori e non protagonisti delle scelte che riguardano il bene pubblico. E ancora ci si ripara dietro slogan di maniera; o dietro un’antimafia di potere (una vera contraddizione in termini) preoccupata da Matteo Messina Denaro o dagli altri boss che stanno sepolti dal 41bis e disinteressata alla complicità dei poteri esterni. Ed ora come allora l’esercito dei violenti disadattati continua ad essere una massa di manovra, e vi è chi si approfitta, ci convive e la domina. Esattamente come il principe di Francalanza domava le ire dei poco raccomandabili personaggi, scontenti della sua politica. Con la differenza che i nobili di casato oggi non esistono più, ma quell'insieme di “astuzia, di abiti maltagliati, di oro e di ignoranza”, usurpando il ruolo dell’operosa borghesia, la fa da padrone dentro ogni potere pubblico ed economico.

* Procuratore aggiunto di Catania
Componente del Consiglio Superiore della Magistratura

Tratto da: ienesiciliane.it

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...


FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...

IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...


AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa