Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Attualità Il testimone di giustizia Cutrò scrive al governo Conte

Opinioni

Il testimone di giustizia Cutrò scrive al governo Conte

cutro c giuseppe cutrodi Ignazio Cutrò
All’Ill.mo Signor
Presidente del Consiglio dei Ministri
Professor Giuseppe Conte
e per conoscenza
Al Signor
Vicepresidente del Consiglio dei Ministri
e Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali
On. Luigi Di Maio
Al Signor
Ministro della Giustizia
On. Alfonso Bonefede
Io sottoscritto Sig. Ignazio Cutrò sono, da anni, un testimone di giustizia sottoposto alle misure speciali di protezione per avere testimoniato, da persona onesta oltre che incensurata, nel processo contro gli esponenti mafiosi Agrigentini della cosiddetta mafia della montagna.
Più volte minacciato e oggetto di vili attentati verso la mia azienda, non ho ceduto alla violenza mafiosa e insieme ad altri testimoni di giustizia abbiamo costituito l’Associazione Nazionale Testimoni di Giustizia.
Insieme a questi miei valorosi compagni di viaggio abbiamo dato il nostro contributo affinché la figura del testimone di giustizia fosse introdotta nel nostro ordinamento giuridico; inoltre, nel corso degli anni, ci siamo fatti promotori di alcune proposte di legge (poi elaborate proprie dalla Commissione Parlamentare Antimafia, dal Parlamento e dalla Regione Sicilia) volte all’assunzione dei testimoni di giustizia nella pubblica amministrazione.
Le scrivo per dirle che in questi lunghissimi anni i testimoni di giustizia hanno sofferto gravemente il rapporto con lo Stato incapace a comprendere, sino in fondo, come i testimoni di giustizia fossero persone ben diverse dai collaboratori di giustizia.
Abbiamo vissuto un dramma di proporzioni enormi per noi e le nostre famiglie e se non abbiamo ceduto alla rassegnazione e alla disperazione lo dobbiamo a chi, pur vivendo le nostre stesse fatiche e inquietudini di testimone, ha saputo trarre dalla propria storia la forza ed il coraggio della speranza.
Piera Aiello è stata ed è una testimone di giustizia, oggi eletta alla Camera dei Deputati nel collegio uninominale di Marsala, divenendo, con poco meno di 80.000 voti la prima Parlamentare della Repubblica Italiana con lo status di testimone di giustizia.
Il coraggio e la testimonianza di Piera Aiello ha rappresentato, per Noi testimoni di giustizia, un punto di riferimento fondamentale.
In questi anni, Piera, con la quale è nata una sincera stima e amicizia, ci ha spronato a guardare avanti fiduciosi, certa che le istituzioni avrebbero certamente compreso il valore della nostra scelta di denuncia e, più in generale, il valore degli Onesti.
Oggi, deputata alla Camera, la Sig.ra Aiello può legittimamente rappresentare il volto del cambiamento del Paese così come lo rappresentano gli altri Deputati e Senatori del Movimento Cinque Stelle.
Il Movimento Cinque Stelle, candidando una testimone di giustizia alla Camera dei Deputati, ha imposto il silenzio a coloro che, in questi anni, hanno teorizzato che i testimoni di giustizia, una volta resa la testimonianza nel processo, avrebbero dovuto - come ha sottolineato l’allora Procuratore Maurizio De Lucia, membro della Commissione Centrale del Ministero degli Interni, durante il convegno “Il processo di mafia trent’anni dopo (14-15 ottobre 2016) - “scomparire dalla circolazione perché allo Stato servono i collaboratori di giustizia, quelli con le mani sporche di sangue…”.
Noi testimoni di giustizia crediamo che Piera Aiello possa ricoprire, con disciplina e onore, l’incarico di Vice Ministro dell’Interno e di Presidente della Commissione Centrale ex art. 10 legge 82/91 (organo al quale spetta la responsabilità politica del presente e del futuro della vita di tanti testimoni di giustizia) come segno tangibile di quella tanto agognata discontinuità operosa, necessaria per tornare “a sentire la bellezza del fresco profumo della libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità”. Chi altri, se non Piera Aiello, può realmente contribuire a costruire e consolidare una società libera dalle Mafie, capace di offrire ai suoi cittadini onesti tutto il sostegno possibile contro la violenza e la prepotenza mafiosa.
Piera Aiello rappresenta tutti i testimoni di giustizia che hanno sacrificato e continuano a sacrificare le loro vite per Lo Stato.
Piera Aiello, oggi, è un Esempio tangibile di Verità e Giustizia.
Per questa e per molte altre ragioni Le chiedo, a nome di tutti i testimoni di giustizia, di prendere in considerazione la nostra proposta.
Le chiediamo, con umiltà e sincerità, di assicurare alla Deputata Piera Aiello l’incarico di Vice Ministro degli Interni.
Nel congedarmi, mi auguro di poterla incontrare.
Rivolgo i miei più cordiali saluti.

Agrigento, 8 giugno 2018

Foto © Giuseppe Cutrò

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


THE TIME IS NOW

THE TIME IS NOW

edited by David Bidussa

Quanta sete di giustizia, quanta carica vitale, quanta...

I DIARI DI FALCONE

I DIARI DI FALCONE

by Edoardo Montolli

Le agende di Giovanni Falcone entrarono e uscirono...


Libri in primo piano

avanti mafiaSaverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto




Ncollusi homeino Di Matteo
e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA

Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


la mafia ha vinto 2017 ppSaverio Lodato

LA MAFIA HA VINTO
Intervista con Tommaso Buscetta