Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Attualità È un favore alla mafia abolire il 41 bis

Opinioni

È un favore alla mafia abolire il 41 bis

ingroia c matteo gozzi 6di Antonio Ingroia
Ogni tanto qualcuno chiede di rivedere o abolire il 41 bis, ultimo in ordine di tempo è adesso Potere al Popolo.
Chiedo allora: come vuole sconfiggere Potere al Popolo il potere mafioso?
Restituendo ai boss di Cosa nostra quel potere che una volta continuavano ad esercitare anche da reclusi, ai tempi del Grand Hotel Ucciardone, quando – prima appunto del 41 bis – erano i padroni del carcere e da lì ordinavano, indifferentemente, tanto omicidi quanto aragoste e champagne?
Si vuole Potere al Popolo o Potere alla Mafia?
Va ribadito ancora una volta che il 41 bis non significa vendetta o ritorsione, significa soltanto applicare un regime carcerario differenziato per gli uomini più pericolosi di Cosa nostra, per impedire loro di continuare a tenere rapporti con l’esterno ed esercitare il loro ruolo di capimafia anche dall’interno del carcere.
Mi aspetterei di trovare l’abrogazione del 41 bis nel programma di Forza Italia, non di Potere al Popolo, visto che è stata al centro della Trattativa Stato-Mafia, e l’obiettivo – da sempre – dei boss mafiosi.
Grave un segnale del genere proprio mentre gli italiani avvertono la sempre maggiore pericolosità della mafia.
Altro discorso, ovviamente, è l’eccesso di applicazione del 41 bis, anche per soggetti per i quali non è necessario o non è più necessario perché non più pericolosi.
Ma qui allora il discorso non riguarda più il 41 bis in sé, che ha funzionato bene per combattere la mafia dopo le stragi di Capaci e di via D’Amelio, ma la sua applicazione.
Fare confusione tra le due cose vuol dire non conoscere la materia. E alla fine si rischia solo di fare un favore alla mafia. Noi della Lista del Popolo siamo contro la Mafia, senza se e senza ma.

Tratto da: listadelpopolo.it

Foto © Matteo Gozzi

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa