Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Attualità La prima volta della mafia ''in diretta''

Opinioni

La prima volta della mafia ''in diretta''

ardita seb pp c giorgio barbagallodi Sebastiano Ardita
"Vi auguro di avere la pace dentro di voi". Con questo messaggio rivolto ai giudici si chiudeva la scena del maxi processo. A pronunciare quella frase era stato Michele Greco, a cui si contestava di essere il capo della cupola di Cosa Nostra. Fino a quel momento la comunicazione della mafia era stata solo interna. Poche sillabe, espressioni colte dalla mimica e dai gesti, ma soprattutto sentenze affidate ai kalashnikov. Parole di avvertimento sussurrate o nemmeno pronunciate e poi piombo e sangue: era questo, al loro interno, l’ossimoro comportamentale degli uomini d’onore. Mentre all’esterno l’ordine era negare l’ esistenza dell’organizzazione.
Ma il maxi divenne un palcoscenico che rendeva visibile la faccia e le storie dei protagonisti. E come tutto ciò che si vede e si conosce quelle facce iniziarono a fare meno paura. Non solo.
La televisione influenzava la gente comune smascherando il becero paternalismo della mafia e la sua capacità di intimidazione. Con quella breve terribile espressione ebbe inizio perciò la stagione mediatica dei boss, che proseguì, dopo le stragi del 1992 quando, col carcere duro e gli arresti, iniziò la crisi vera. Bisognava parlare ai picciotti e tranquillizzarli; e al tempo stesso parlare a coloro che non avevano ancora deciso se stare sotto le regole dello Stato o quelle della mafia.
E così Totò Riina - che nei primi processi neanche sapeva che cosa fosse  “Cosa Nostra” - iniziò a rivendicare la sua posizione di capo. E Nitto Santapaola arrivò a dire in aula che quando era lui a comandare a Catania le caserme e le procure non avevano bisogno di scorte e i commercianti potevano vivere e lavorare senza paura.
Per questa via anche Cosa Nostra ha vissuto la sua stagione mediatica rompendo il rituale silenzio. Ma ad ogni uscita c’era un coro di critiche, e per i boss arrivò il momento di comprendere che parlare era divenuto solo pericoloso narcisismo.
Si è così giunti alla terza fase, quella che si accompagna all’inabissamento. I messaggi sono divenuti trasversali; sono affidati a uomini col colletto bianco e lambiscono i settori istituzionali compromessi. I toni degli uomini di onore sono tornati bassi. Mezze parole e sussurri, esattamente come un tempo.
Ma alla forza del piombo si sostituisce ora quella del ricatto: affinché coloro che hanno avuto rapporti e stanno lì nei piani alti intendano e si diano un po' da fare, per impedire le lunghe detenzioni, le confische dei beni e il 41 bis.

"Mafie". Da un'idea di Attilio Bolzoni

Tratto da: mafie.blogautore.repubblica.it  

Foto © Giorgio Barbagallo

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

by Attilio Bolzoni, Giuseppe D'avanzo

Un libro di cui non si sa nulla...

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

by Attilio Bolzoni

Ci sono notizie che fanno male e ci...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

by Aniello Manganiello, Andrea Manzi

"Gesù è più forte della camorra" è il...

L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa