Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Attualità Il nuovo numero di Casablanca! La Politca del Sogno e della Speranza

Opinioni

Il nuovo numero di Casablanca! La Politca del Sogno e della Speranza

casablanca n48Editoriale del nuovo numero di Casablanca
di Graziella Proto

È successo. Lo sapevamo, ma... speravamo che non fosse così. La produttività viene prima di tutto!
L’operaio aveva chiesto di poter lasciare la catena di montaggio per andare alla toilette ma aveva ricevuto solo dinieghi. L’operaio ha insistito ancora per andare in bagno, ma per troppo tempo gli è stato vietato, alla fine se l’è fatta addosso. Dentro i pantaloni.
Una umiliazione che lascia senza parole. Non ci sono interventi sindacali che la possano alleggerire. Non c’è solidarietà che la possa eliminare.
Non siamo dentro un romanzo di Dickens. È accaduto alla SEVEL di Chieti uno stabilimento della FCA - ex Fiat. Da troppi anni ormai i ritmi e i carichi produttivi hanno subito un aumento smisurato nel silenzio assordante della politica, della… fretta, della velocità, del decido io da solo; del sindacato, forse troppo debole… forse troppo distratto… probabilmente messo da parte… spesso.
Insomma è successo che queste operazioni a favore della produttività e contro i lavoratori sono state accolte come un fatto positivo. Come una opportunità che li potesse favorire.
Ma davvero per un attimo abbiamo pensato che l’aumento della produttività grazie ai sacrifici dei lavoratori potesse portare a una ridistribuzione della ricchezza alla collettività?
Ma abbiamo dimenticato chi è Marchionne? La sua politica?
Certamente dentro la ‘questione lavoro’ ci sta di tutto, da Monti, alle riforme sul lavoro, al Jobs Act, alla cancellazione dell’articolo 18. (Pur di abolirlo hanno tentato di farci credere che questo articolo fosse l’ideologia per antonomasia).
Eppure, in questo episodio dai risvolti tristissimi, antichi, totalitari e dispotici, non vedo la giusta indignazione. Non vedo la rabbia. Non ci si incazza. L’assurdo e l’impensabile si fondono.
Succede anche che molti oppressi guardino a destra, forse fidandosi, forse lasciandosi comprare… sicuramente molto delusi. I giovani per lo più disoccupati o sottoccupati che attraverso il referendum di dicembre hanno manifestato la loro rabbia e la loro sofferenza, non si organizzano verso una lotta sociale unitaria. Come se mancasse il collante. L’ideale comune.
Guardare e preferire le liberalizzazioni, oppure pensare e sperare in un capitalismo più umano, accontentarsi di riformine, finti referendum dentro la fabbrica o, peggio, cercare di capire Renzi o il suo amico Marchionne con le loro politiche, i loro obiettivi ha fatto intravedere un mondo più leggero?
Le donne con i loro movimenti stanno dicendo che bisogna ripartire, nell’impegno e nella lotta. Non UNA di meno, non UNO di meno. Bisogna sbracciarsi, svegliarsi dal torpore e ritornare alla collettività. Al bene comune. Al ‘tutti insieme si può’. Non si può continuare a tollerare… al peggio non c’è fine.
Ribelliamoci alla politica che non risolve i problemi estendendo la democrazia; ai nostri ministri – cari ragazzi che avrebbero voluto giocare con la delega ai servizi segreti o che invitano al calcetto – salvati, salvatori, da salvare. Intrecci e intrallazzi non ci portano da nessuna parte, ritorniamo a fare politica: la politica che dà risposte per fare uscire dalle povertà, per i disoccupati, per gli immigrati.
La politica della speranza e del sogno.
Certo il periodo non lascia intravvedere nulla di tutto ciò, troppe divisioni, dispersioni, protagonismi… una ragione in più per non rimanere alla finestra a guardare.
Io sono già in pista.

Scarica l'ultimo numero di Casablanca

Visita: lesiciliane.org

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'ILLEGALITA' PROTETTA

L'ILLEGALITA' PROTETTA

by Rocco Chinnici

Uno per uno ci scelse: noi magistrati che...

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

by Alessandra Turrisi

A 25 anni dalla morte (19 luglio 1992),...


GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

by Carlo Sarzana di Sant'Ippolito

Ancora oggi, i misteri fondamentali che gravano sulle...

NOI, GLI UOMINI DI FALCONE

NOI, GLI UOMINI DI FALCONE

by Angiolo Pellegrini

Palermo, gennaio 1981. Quando il capitano Angiolo Pellegrini...


L'ASSEDIO

L'ASSEDIO

by Giovanni Bianconi

Tragico e coinvolgente, "L'assedio" ci riporta a uno...

QUEL TERRIBILE ’92

QUEL TERRIBILE ’92

edited by Aaron Pettinari

Di tutti gli anni della nostra storia recente,...


STATO DI ABBANDONO

STATO DI ABBANDONO

by Riccardo Tessarini

L’opera è narrata in prima persona ed è...

GIUSTIZIALISTI

GIUSTIZIALISTI

by Sebastiano Ardita, Piercamillo Davigo

«Noi con le nostre forze di Polizia li...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta