Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mandanti Occulti Tranchina: Giuseppe Graviano aziono' il telecomando in Via D'Amelio

Mandanti Occulti

Tranchina: Giuseppe Graviano aziono' il telecomando in Via D'Amelio

di AMDuemila - 5 maggio 2011
Fu Giuseppe Graviano ad azionare il telecomando dell'autobomba che fece saltare in aria Paolo Borsellino e gli uomini della sua scorta.
Sarebbero queste le ultime confessioni del pentito Fabio Tranchina, ex fedelissimo dei potenti fratelli di Brancaccio, che collabora con la giustizia dallo scorso 22 aprile.

A rivelarlo, oggi, è “Il Fatto Quotidiano”, che riporta la ricostruzione offerta ai magistrati dallo stesso pentito, informato sulla dinamica dei fatti, a suo dire, direttamente dal capomandamento del quartiere palermitano.
“Prima dell’attentato – aveva già spiegato Tranchina ai pm che indagano sulle stragi, Giuseppe Graviano - più volte mi fece passare da via D’Amelio riaccompagnandolo, e io non capivo cosa dovesse vedere. Poi mi chiese di trovargli un appartamento in via D’Amelio, e visto che non l’avevo trovato ebbe a dirmi che allora si sarebbe messo comodo nel giardino. Dov’è avvenuta la strage in effetti c’era un muro e un giardino”.
Ed è proprio da lì, da dietro quel muro posto a distanza molto ravvicinata dalla casa della madre del giudice, che il boss – appostato fin dalle prime ore del pomeriggio - avrebbe premuto il pulsante del telecomando nel momento esatto in cui Borsellino premette quello del citofono.
Una ricostruzione inedita fornita ai magistrati di Firenze, Caltanissetta e Palermo. E che ricorda in parte quella offerta precedentemente da un altro collaboratore di giustizia, Giovambattista Ferrante: il quale raccontò di aver saputo che il commando di morte di Via D'Amelio era appostato dietro un muretto. E che qualcuno, in quel commando, aveva temuto che la parete di cemento crollasse e li seppellisse.
Dopo le dichiarazioni di Tranchina la Procura di Caltanissetta avrebbe già iniziato a cercare i dovuti riscontri, mentre si continuerebbe a valutare anche un'altra ipotesi emersa di recente: quella secondo cui il gruppo di fuoco di Via D'Amelio si trovava all'interno di un palazzo di 12 piani, all'epoca ancora in costruzione, di proprietà dei fratelli Graziano. Anche questo situato oltre il muro del giardino.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa