Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mandanti Occulti Il Papello non voluto

Mandanti Occulti

Il Papello non voluto

di Giorgio Bongiovanni - 31 ottobre 2010
Ogni volta che le indagini approfondiscono la verità sul “papello”, le stragi, la trattativa fra mafia e Stato o ancora Ciancimino, Riina, perquisizioni mancate o avvenute, ci troviamo di fronte a carabinieri che molto spesso si sono fatti strumento di un lavoro sporco. Personalmente ho un viscerale rispetto per l’Arma dei carabinieri. Nel mio ufficio conservo una fotografia in memoria del gen. Carlo Alberto dalla Chiesa, un eroe, un grande uomo di valore, un esempio di giustizia, uguaglianza e solidarietà.

Come lui altri carabinieri, non possiamo non ricordare Salvo d’Acquisto, hanno incarnato gli stessi ideali. Ma dobbiamo constatare la realtà dei fatti. Ci sono carabinieri e carabinieri. Nella storia degli ultimi quarant’anni del nostro Paese molti uomini dell’Arma, da soldati semplici a generali, sono stati fautori di lavori sporchi a diversi livelli. E per questo ci chiediamo, a quale Stato sono fedeli questi carabinieri? E a quale potere? L’ultimo episodio in ordine di data è la testimonianza di un sottufficiale che conferma quanto già Massimo Ciancimino aveva dichiarato e Antimafia Duemila pubblicato lo scorso anno. Ovvero che nell’abitazione del figlio dell’ex sindaco di Palermo, durante la perquisizione del febbraio 2005, vi era il “papello” che gli stessi militari non hanno sequestrato. 
Ora s’innescherà il solito sistema di difesa dello scarica barile. “Me l’ha detto il superiore x” oppure “il capitano tizio dice che gliel’ha detto il colonnello caio”… fatto sta che il documento attestante la trattativa del ’92 con le richieste di Riina allo Stato è rimasto nascosto per altri cinque anni. Si tratta dell’ennesimo equivoco? Ci si deve chiedere invece, in presenza di indagini delicate che riguardano i rapporti fra mafia e Stato, chi manovra i nostri militari dell’Arma? Cosa intendeva il boss Badalamenti con la frase “la polizia sono sbirri e i carabinieri sono carabinieri”? Faccio un appello dunque a tutti i militari coinvolti in queste sporche storiacce, implicati magari in presunti favoreggiamenti o presunte associazioni esterne: raccontate la verità ai pubblici ministeri che rappresentano lo Stato che voi dite di servire. Dite la verità se non volete infangare l’Arma alla quale i cittadini italiani affidano le loro vite e la loro sicurezza. 
Raccontate tutta la verità!

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa