Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Tv: a Cose Nostre su Rai1 giornalisti colpiti da mafie

Mafie News

Tv: a Cose Nostre su Rai1 giornalisti colpiti da mafie

5 storie per 'sgraditi che non piegano schiena', dice Fava
di Daniela Giammusso
Roma. ''Sai chi sono io? Sono il padre dell'imputato, il padre dell'assassino. Quello che scrivi tu, il tuo giornale, non mi piace. Attento, perché le disgrazie possono accadere, all'improvviso''. L'avvertimento, il primo di una serie, ad Arnaldo Capezzuto arrivò diretto, occhi negli occhi, addirittura all'uscita di un'aula di tribunale. Ma c'è chi invece ha subito aggressioni, automobili in fiamme, pallottole inviate per posta, incursioni in casa o querele temerarie, che a un giovane cronista, magari precario in una testata locale, spaventano quanto il cane di una pistola. Sono le storie di ''Cose nostre'', nuova serie di cinque documentari-inchiesta per le vicende di altrettanti giornalisti italiani minacciati dalle mafie, da domani su Rai1 in seconda serata. ''Un tema difficile e un genere insolito per Rai1 - dice il direttore Giancarlo Leone - con cui ci misuriamo per la prima volta per accendere un faro sul rapporto tra buon giornalismo e mafie''. Alla base, del programma - firmato da Emilia Brandi, Giovanna Ciorciolini, Tommaso Franchini, scritto con Danilo Chirico, Francesco Giulioli e Giovanna Serpico - c'è la relazione presentata ad agosto dalla Commissione Parlamentare Antimafia e quei 2 mila episodi di violenza, intimidazione e minaccia subiti dai giornalisti italiani tra il 2006 e il 2014.

Uomini e donne, racconta il vicepresidente della Commissione, Claudio Fava, anche lui giornalista figlio di un cronista morto ammazzato, ''che sono la colonna vertebrale della buona informazione italiana, costretti a ricevere minacce di una fantasia che non conosciamo. Nove giornalisti uccisi dalla mafia sono troppi per un paese in pace - aggiunge - Una pressione che in alcuni casi è diventata silenzio, abbassamento della qualità del racconto. Ma che dice anche quanto importante e sgradevole sia la presenza di un buon numero di giornalisti che la schiena invece non l'hanno voluta piegare mai.''. Partendo dalla storia di Arnaldo Capezzuto, oggi blogger del Fatto Quotidiano, al tempo cronista con il coraggio di raccontare il dominio dei clan nel quartiere di Forcella, l'omicidio della 14enne Annalisa Durante e la ''paranza'' dei ragazzi, la serie sceglie di seguire non i giornalisti ''simbolo'', come potrebbe essere Roberto Saviano. Ma i colleghi spesso rimasti nell'ombra della quotidianeità, lasciando a loro il compito di ricostruire i fatti e la propria inchiesta, nei luoghi scenario delle vicende e in un reportage che diventa anche affresco di un pezzo di storia d'Italia. Così Emilia Brandi ha riportato Capezzuto proprio a Forcella, dove non può entrare più da tempo. E dove ancora oggi ''si percepiva verso di lui un''attenzione' particolare''. Protagonisti saranno poi Michele Albanese de Il quotidiano del Sud e dell'ANSA; Amalia De Simone del Corriere.it; Pino Maniaci direttore di Telejato; e Giovanni Tizian de L'Espresso. ''Ritengo possa essere il primo esperimento di una serie - aggiunge Leone - Anzi, dopo la prima messa in onda, da fine febbraio-marzo, replicheremo le puntate anche il sabato pomeriggio alle 17, per raggiungere pubblici diversi''. ''Una scelta innovativa e rilevante - commenta il consigliere Rai Franco Siddi - degna di una tv civile, che rompe il mito dello share a tutti i costi pur di incrociare platee diverse. Spero sarà premiata dal pubblico, dimostrando che c'è un paese vigile e più impegnato di quello che viene raccontato''.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...

PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

by Benedetta Tobagi

Il racconto rigoroso e appassionante del grande processo...


DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...

TI MANGIO IL CUORE

TI MANGIO IL CUORE

by Carlo Bonini, Giuliano Foschini

Un'inchiesta sull'abisso non ancora esplorato della Società foggiana,...


IL LIBRO NERO DELLA LEGA

IL LIBRO NERO DELLA LEGA

by Giovanni Tizian, Stefano Vergine

La truffa milionaria ai danni degli italiani, le...

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

by Fabio Federici

Oggi la presenza della Mafia Nigeriana in Italia...


LA PAURA NON PERDONA

LA PAURA NON PERDONA

by Luigi Leonardi

Come si combatte dall’interno il sistema in cui...

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

by Vincenzo Cuomo, Gianfranco Milillo

In un paese come l’Italia, in cui è...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa