Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Paolo Bolognesi: 'Morte Gelli, un'occasione persa'

Mafie News

Paolo Bolognesi: 'Morte Gelli, un'occasione persa'

Bologna, 16 dic. - "Chissa' se lo hanno interrogato. E poi comunque bisognerebbe vedere come lo hanno interrogato... Il problema pero'- dice Paolo Bolognesi, presidente dell'associazione dei parenti delle vittime della strage del 2 agosto - e' che se fai passare la cose, se fai passare 35 anni, muoiono tutti, anche noi mica solo Gelli, mentre se i magistrati avessero messo lo stesso impegno profuso per la 'pista palestinese' anche sui documenti che gli abbiamo mandato, forse avremmo gia' risolto" il rebus dei mandanti della strage alla stazione di Bologna. E forse la morte di Licio Gelli non si porterebbe dietro il timore di non scoprire molte cose che poteva sapere su quella bomba. Bolognesi commenta, non senza un pizzico di rabbia, la morte di Gelli: uno dei nomi che i parenti delle vittime della bomba che fece 85 morti e 200 feriti hanno segnalato e risegnalato in Procura perche' il suo ruolo non fosse derubricato a quello di depistatore, ma fosse sviscerato anche dal punto di vista dei mandanti. Una 'pista' che pero' non va archiviata solo per la morte del 'venerabile'. Innanzitutto, "io andrei a perquisire Villa Wanda, per vedere se c'e' qualcosa in giro...". Ma soprattutto, la morte del Gran maestro della Loggia massonica deve ridare sprone alle indagini sui mandanti. "Gelli non era solo. Ha detto che la P2 sapeva e faceva... E noi sappiamo che alla P2 erano iscritte 900 persone. E allora dico: i magistrati- li sprona Bolognesi- vadano a sentire tutti quelli che gli stavano vicino, tutti quelli che lavoravano con lui. Siano sentiti". Prima appunto che sia troppo tardi.

Agenzia DIRE

19luglio1992.com

Le recensioni di AntimafiaDuemila

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...

PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

by Benedetta Tobagi

Il racconto rigoroso e appassionante del grande processo...


DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...

TI MANGIO IL CUORE

TI MANGIO IL CUORE

by Carlo Bonini, Giuliano Foschini

Un'inchiesta sull'abisso non ancora esplorato della Società foggiana,...


IL LIBRO NERO DELLA LEGA

IL LIBRO NERO DELLA LEGA

by Giovanni Tizian, Stefano Vergine

La truffa milionaria ai danni degli italiani, le...

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

by Fabio Federici

Oggi la presenza della Mafia Nigeriana in Italia...


LA PAURA NON PERDONA

LA PAURA NON PERDONA

by Luigi Leonardi

Come si combatte dall’interno il sistema in cui...

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

by Vincenzo Cuomo, Gianfranco Milillo

In un paese come l’Italia, in cui è...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa