Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta: bombe a Reggio Calabria, pm chiede condanna tre imputati

Mafie News

'Ndrangheta: bombe a Reggio Calabria, pm chiede condanna tre imputati

Reggio Calabria. Dieci anni di reclusione per Luciano Lo Giudice, fratello del boss pentito Nino; 9 anni per Antonio Cortese ed 8 per Vincenzo Puntorieri: sono queste le richieste avanzate dal pm della Dda di Catanzaro Domenico Guarascio al termine della requisitoria contro i presunti responsabili degli attentati del 2010 contro la sede della Procura generale di Reggio Calabria e l'abitazione del Procuratore generale Salvatore Di Landro e dell'intimidazione all'ex procuratore, ed ora capo della Procura di Roma, Giuseppe Pignatone. Cortese e Puntorieri sono ritenuti gli esecutori materiali degli attentati compiuti il 3 gennaio 2010 contro la Procura generale ed il 26 agosto contro l'ingresso dello stabile in cui abita Di Landro e coloro che piazzarono un bazooka a poche centinaia di metri dal palazzo della Dda come atto d'intimidazione a Pignatone. Ad accusare i tre era stato Nino Lo Giudice, che si era anche autoaccusato di essere l'ideatore ed il mandante della stagione delle bombe a Reggio Calabria. Versione che il collaboratore di giustizia ha confermato nella sua deposizione in videoconferenza anche dopo la fuga dalla località protetta in cui si trovava e la ritrattazione delle sue precedenti dichiarazioni. Nino Lo Giudice, per gli stessi fatti, è stato processato in abbreviato e condannato a sei anni di reclusione, confermati in appello.

lametino.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...


LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...

UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...


ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...

GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa