Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Giustizia Lo scontro Lupacchini-Gratteri discusso al Csm

Mafie News

Lo scontro Lupacchini-Gratteri discusso al Csm

di AMDuemila
Audizione a porte chiuse per il Procuratore generale di Catanzaro

E' durata quasi cinque ore l'audizione davanti al Csm del Procuratore generale di Catanzaro, Otello Lupacchini.
Il magistrato ha risposto alle domande della Prima Commissione, che ha aperto nei suoi confronti una pratica per valutare se sussistano o meno i presupposti per un trasferimento d'ufficio per incompatibilità ambientale. Secondo alcune indiscrezioni Lupachini si è difeso confermando quanto esposto nell'intervista rilasciata lo scorso dicembre a 'Tgcom', ovvero di aver appreso solo dalla stampa i nomi degli arrestati nell'operazione Rinascita-Scott e la ragione dei provvedimenti, e dunque di non essere stato informato preventivamente come invece imporrebbero le regole sui rapporti tra la procura ordinaria e la procura generale. Il pg, dunque, ha ricostruito, anche in chiave critica, i suoi rapporti con Nicola Gratteri, nonché il suo operato svolto in servizio a Catanzaro.
L'audizione si è svolta a porte chiuse perché non è stata concessa la pubblicità dei lavori che il magistrato aveva richiesto. Raggiunto dall'Adnkronos il magistrato ha commentato senza andar contro all'obbligo di riservatezza: "Ho chiesto l'udienza pubblica e non è stata accordata, anzi la seduta è stata addirittura secretata, dunque per quanto mi concerne non posso dichiarare nulla. Mi auguro solo di non trovare domani le mie dichiarazioni su qualche organo di stampa". La Commissione dovrà ora decidere se proseguire l'istruttoria oppure depositare gli atti: Lupacchini, prima che si giunga a una proposta al plenum, potrà trasmettere al Csm ulteriori memorie difensive.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa