Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Tescaroli: ''Bisogna limitare il contante, è fondamentale nella lotta alle mafie''

Mafie News

Tescaroli: ''Bisogna limitare il contante, è fondamentale nella lotta alle mafie''

di AMDuemila
“Inibire la circolazione del contante è un’esigenza per contrastare alcuni tipi di reati. In primo luogo, quelli della criminalità mafiosa, ma anche la corruzione e l’evasione fiscale. Oltre che il lavoro nero”. E’ così che interviene nuovamente il procuratore aggiunto di Firenze, Luca Tescaroli, in un’intervista a “Il Fatto Quotidiano”, riguardo la limitazione dell’uso del contante. Il magistrato antimafia ha ricordato che la prima legge contro l’uso del contante fu concepita da Giovanni Falcone il 3 maggio 1991: “Già da allora Falcone aveva capito che era importante limitare l’uso del contante nella lotta alla mafia: chi ha grosse disponibilità di liquidi le può inserire senza limiti nel mercato e nell’acquisto di società. Oggi che le imprese sono in grossa difficoltà, questi affari vanno evitati a ogni costo”. Secondo Tescaroli “la liquidità è un elemento caratteristico della corruzione nel versamento delle tangenti. Il contante viene usato anche per l’evasione fiscale: così si evitano fatture e il passaggio di denaro avviene senza tracciamento. Per questo dobbiamo limitare la circolazione di contante”. “In questo momento - ha aggiunto - di crisi il ruolo delle mafie viene avvantaggiato ancora di più. C’è una carenza di liquidità e chi ne ha disponibilità senza limiti può incidere sul mercato dei capitali impadronendosi delle società in difficoltà che hanno bisogno di denaro. Per contrastare questo fenomeno lo Stato deve veicolare risorse con velocità ed efficienza e poi serve l’attività di controllo”. Il procuratore aggiunto ha anche spiegato che i fondi Ue in arrivo, se non si limita l’uso del contante, potrebbero finire in mani sbagliate. “Più si riesce a imporre il tracciamento, più i controlli sono puntuali e si può evitare che finiscano in mani sbagliate. Per esempio le ‘Sos’, segnalazioni di operazioni sospette, sono uno strumento fondamentale che consente di radiografare quelle movimentazioni che presentano anomalie. - ha concluso - Questo strumento agisce sulle operazioni tracciate e molte inchieste che ho fatto, come su Amara & C. sulla compravendita delle sentenze nella giustizia amministrativa, sono nate proprio grazie a una ‘Sos’. Questo dimostra che quando i trasferimenti sono tracciati e non avvengono in contanti, si possono scoprire le attività illecite. Altrimenti diventa difficile”.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Tescaroli: ''Limitare i contanti significa ostacolare mafia e riciclaggio''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa