Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Palamara: ''Di Matteo escluso dalla Dna per sistema delle correnti''

Mafie News

Palamara: ''Di Matteo escluso dalla Dna per sistema delle correnti''

di AMDuemila
Nino Di Matteo "è stato escluso dalla Dna non dalla mia persona, ma dal sistema delle correnti". E’ quanto ha detto l’ex presidente dell’Anm, Luca Palamara, accusato di corruzione dalla procura di Perugia, in un’intervista al Tg2 post. Il magistrato ha poi sottolineato che per quanto riguarda le chat in cui sono venuti alla luce dei giudizi sul pm della Trattativa Stato-Mafia "si trattava solo di opinioni legate a determinate situazioni" ma non c'era "nessun giudizio negativo" su Di Matteo. Proprio ieri il procuratore generale della Cassazione, Giovanni Salvi, ha annunciato un processo disciplinare per almeno 10 magistrati, tra cui c’è proprio Palamara. "Sono giorni difficili dettati dall'amarezza - ha detto - per il disagio che questa storia ha creato ai cittadini italiani e ai tanti magistrati esclusi dal meccanismo delle correnti e l'udienza disciplinare sarà il luogo, per quanto mi riguarda, in cui chiarire tutti i fatti e le vicende che da circa un anno riguardano la mia persona e tanti altri colleghi che quelle sere si trovavano con me a dialogare”. Secondo Palamara “il sistema ha fallito quando ha escluso dalle nomine chi non faceva parte delle correnti. E in questo senso ho sbagliato anche io" e “magistratura e politica devono essere autonome e indipendenti. Si incontrano nel Consiglio superiore della magistratura. Ma dobbiamo vedere in che modo la politica è intervenuta sulle nomine".

di matteo palamara c imagoeconomica 1314208

Il consigliere togato del Csm, Nino Di Matteo


Il magistrato romano ha poi ribadito che quello che lui dovrà fare non sarà “minacciare dichiarazioni”, ma “chiarire, fatti, vicende e situazioni che non riguardano solo la mia persona, ma tutti coloro che hanno fatto parte di un sistema delle correnti che ha fallito e ribadirò con cui mi relazionavo. Penso di essere testimone di un sistema messo fortemente in discussione, e penso che in questo momento sia mio dovere per rispetto di tanti magistrati esclusi da questo meccanismo, dare speranza combattendo per un sistema migliore”. Riguardo al suo ruolo da ex presidente dell'Anm, Palamara ha parlato degli incontri frequenti che aveva con esponenti della politica. "C'è un dovere di chiarimento per fare comprendere il mio ruolo, inevitabilmente il mio ruolo mi portava a relazionarmi con i rappresentanti delle correnti della magistratura e in questi anni ho incontrato molti personaggi della politica. Io nel 2007 ho rivestito una carica rappresentativa, il ruolo di un leader sindacale non è quello di un normale magistrato, in questo ambito l'attività rappresentativa che ho svolto mi ha portato ad avere incontri con esponenti di ogni genere - ha detto - Sono stato fautore di una magistratura che non fosse un mondo chiuso”. "Nell'anno 2007 la giustizia subisce una rivoluzione copernicana, viene abbandonato il criterio di anzianità per quello del merito. Da quel momento si registra uno sfrenato carrierismo, ognuno si sente legittimato a chiedere qualcosa, a chiedere al referente al Consiglio superiore della magistratura - ha concluso Palamara - Noi ci siamo trovati a dovere fronteggiare questa situazione. Sono state fatte nomine giuste?, secondo me si, ma secondo me ci sono stati degli esclusi, coloro che non appartenevano alle correnti".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Bufera procure, Pg Cassazione Salvi: richiesto processo disciplinare per 10 magistrati

Caso Palamara, quando a dare fastidio erano Di Matteo e il pool stragi

Vergognoso Palamara, dà del ''matto'' a Nicola Gratteri

Si penta, Luca Palamara. Non faccia la fine del gonzo

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa