Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Ricordando Ciaccio Montalto, il giudice che dichiarò guerra alla mafia

Mafie News

Ricordando Ciaccio Montalto, il giudice che dichiarò guerra alla mafia

di AMDuemila
Stamattina la commemorazione a Villa Margherita

In memoria del giudice Gian Giacomo Ciaccio Montalto, proponiamo ai nostri lettori un nostro precedente articolo. Il sostituto procuratore di Trapani, fu brutalmente ucciso la notte del 25 gennaio 1983, nei pressi della sua abitazione di Valderice, con una raffica di colpi sparati dagli uomini di Cosa nostra. A dare l'ordine i boss Totò Riina e Mariano Agate. Questa mattina, 37 anni dopo il delitto, a Trapani si è tenuta la cerimonia di commemorazione presso la Villa Margherita, alla quale hanno partecipato il Sindaco, il presidente del Tribunale di Trapani, l’Associazione Nazionale Magistrati, Libera e rappresentanti degli istituti scolastici.


Ciaccio Montalto, 35 anni fa Cosa nostra uccideva il magistrato

di Miriam Cuccu
Una guerra che dovrebbe essere “di Stato”, troppo spesso ricade sulle spalle di pochi. Lo sa bene il magistrato antimafia Giangiacomo Ciaccio Montalto che, intervistato il 15 ottobre 1982 da TG2 dossier, spiega con lucida consapevolezza che ciò che sembra una “guerra privata” contro i clan mafiosi “in realtà è una guerra pubblica. Ma siccome siamo in pochi, pochi che ce ne possiamo occupare, pochi che abbiamo determinate conoscenze, la cosiddetta memoria storica, e privi di determinati mezzi, va a finire che le nostre conoscenze... finiscono col diventare un patrimonio personale... Tutto ciò finisce per individualizzare la lotta al fenomeno mafioso”. Da quell'intervista, in cui denuncia senza mezzi termini le difficoltà regolarmente riscontrate nelle sue inchieste, specie quando passavano al setaccio i circuiti bancari, Cosa nostra lascia passare ancora pochi mesi, e il 25 gennaio 1983 Montalto viene crivellato di colpi nei pressi della sua abitazione di Valderice, ancora all’interno della sua vettura. Da qualche tempo, per motivi di sicurezza, il magistrato aveva deciso di far trasferire altrove la moglie e le tre figlie. Nessuno, però, udendo gli spari, diede l'allarme, e il corpo viene ritrovato soltanto la mattina successiva, segnalato da un pastore. “Pensavamo fossero i cacciatori di frodo”, dicono i vicini di quel magistrato che si era messo in testa di combattere la mafia a colpi di indagini patrimoniali e bancarie. La stessa strada poi percorsa da Giovanni Falcone e da tutto lo storico pool antimafia di Palermo.
Da una parte filoni investigativi che puntano dritto al cuore criminale ed economico delle famiglie mafiose trapanesi, dall'altra il sinistro isolamento che ha marchiato a fuoco i 12 anni vissuti alla Procura di Trapani. Ce n'è abbastanza per fare sì che Giangiacomo Ciaccio Montalto – magistrato tutto casa e lavoro che sistematicamente evitava la Trapani bene – diventasse uno dei nemici numero uno di Cosa nostra. Già dalla seconda parte degli anni Settanta, Ciaccio Montalto – nato a Milano da genitori trapanesi – mette gli assetti mafiosi locali sotto la lente di ingrandimento, andando a colpire gli interessi dei clan e scandagliando le alleanze tra Cosa nostra e il tessuto politico ed imprenditoriale. Le numerose indagini su banchieri, funzionari dello Stato e politici, continuano però ad arenarsi, gli imputati sistematicamente prosciolti.
A Trapani, Ciaccio Montalto inizia ad indagare anche sulla cosca Minore, che proprio in quegli anni stringe un'alleanza con i corleonesi di Totò Riina. Proprio per questo il magistrato fa riesumare il cadavere di Giovanni Minore. Sul suo conto si diceva che fosse morto d’infarto, cosa di cui il giudice nutriva diversi dubbi. Tra le altre indagini, anche quella sulle distrazioni di denaro legate alla ricostruzione post terremoto del Belice.
Nel 1982 la maxi retata: il sostituto procuratore emette circa quaranta ordini di cattura, sempre contro la cosca Minore. Il blitz, però, si conclude con il proscioglimento di tutti gli arrestati. È qui che Montalto si infuria con Antonio Costa, pm che aveva accettato 50 milioni di lire dai Minore in cambio di un ammorbidimento delle sue richieste nel processo contro la famiglia mafiosa. Costa, successivamente, finirà in carcere per corruzione e detenzione abusiva di armi.
Deluso, amareggiato e stanco di combattere in un clima di totale isolamento, all'inizio degli anni '80 Ciaccio Montalto guarda a Firenze come prossima sede per proseguire la sua attività di contrasto a Cosa nostra. È lì, infatti, che i magistrati Pierluigi Vigna e Rosario Minna, con i quali era in ottimi rapporti, stanno seguendo indagini delicate. Da tempo il capoluogo toscano “ospitava” una costola dei gruppi mafiosi siciliani – e trapanesi – che spesso si trovavano lì al soggiorno obbligato. Dalle sue ultime indagini Ciaccio Montalto aveva già intuito che la mafia trapanese stava mettendo le mani sul business della droga, e che Cosa nostra fosse intenzionata ad allargare il suo raggio d'azione in Toscana. Anche per questo il magistrato decide di fare domanda per il trasferimento a Firenze.
I segnali che il suo tempo sta per scadere, si fanno però più pressanti. Qualche mese prima dell'attentato Montalto trova una croce nera disegnata con la bomboletta spray sul cofano della sua golf. Ma la vera condanna a morte la pronuncia il boss Mariano Agate a fine anno 1982, quando, in carcere, annuncia: “Ciaccinu arrivau a stazione”. Proprio Agate, insieme al boss Totò Riina, verrà poi condannato in qualità di mandante dell'omicidio del sostituto procuratore. In occasione del trentacinquesimo anniversario, il Csm ha disposto la desecretazione e la pubblicazione degli atti contenuti nel fascicolo personale del magistrato. Affinchè questo magistrato tutto d’un pezzo non venga dimenticato.
(25 gennaio 2018)

ARTICOLI CORRELATI

L'''Albero di Ciaccio Montalto''

Non solo Scopelliti, il pentito Avola accusa Messina Denaro dell'omicidio Ciaccio Montalto

Le recensioni di AntimafiaDuemila

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...


PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa