Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Pentito Marino accusa: ''L'avvocato Pittelli aggiustava i processi''

Mafie News

Pentito Marino accusa: ''L'avvocato Pittelli aggiustava i processi''

di AMDuemila
Pm produce il verbale del collaboratore crotonese davanti al Riesame

“Era uno che aggiustava i processi” dichiarò nel 2018 il pentito Vincenzo Marino (ex affiliato alla cosca Vrenna di Crotone, già condannato all’ergastolo in via definitiva) nei confronti dell’avvocato ed ex parlamentare di Forza Italia Giancarlo Pittelli (in foto), nell’ambito dell’inchiesta, al tempo segreta, che ha portato lo scorso dicembre all’operazione Rinascita-Scott coordinata dal procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri. Durante l’udienza del Tribunale del Riesame, presieduto da Giulio De Gregorio nei confronti di Pittelli, la Dda ha prodotto un nuovo verbale sulle dichiarazioni del collaboratore di giustizia, il quale ha affermato che le informazioni sull’avvocato gli sono state riferite dal boss di Cutro, Nicolino Grande Aracri.

Pittelli è detenuto oggi nel carcere di Nuoro sotto custodia cautelare ed è accusato del reato di associazione mafiosa. Come riportato nelle pagine dell’ordinanza il legale è ritenuto il faccendiere della cosca Mancuso di Limbadi, un vero e proprio “uomo cerniera” che "accreditato nei circuiti della massoneria più potente, è stato in grado di far relazionare la 'Ndrangheta con i circuiti bancari, con le società straniere, con le università, con le istituzioni tutte, fungendo da passepartout del Mancuso, per il ruolo politico rivestito, per la sua fama professionale e di uomo stimato nelle relazioni sociali”, mettendo a disposizione dei criminali “il proprio rilevante patrimonio di conoscenze e di rapporti privilegiati con esponenti di primo piano a livello politico-istituzionale, del mondo imprenditoriale e delle professioni, anche per acquisire informazioni coperte dal segreto d’ufficio e per garantirne lo sviluppo nel settore imprenditoriale”.

aracri grande nicolino

Uno scatto d'archivio di Nicolino Grande Aracri


Nonostante l’ex senatore si dica estraneo sia a rapporti con la ‘Ndrangheta, sia a rapporti con la massoneria, i pm De Bernardo, Falvo, Frustaci e Mancuso, hanno ricostruito la doppia appartenenza dell’avvocato alle logge, una “pulita” e “l’altra sussurrata”, a cui anche i pentiti Andrea Mantella e Cosimo Virgiglio hanno fatto riferimento. In particolare quest'ultimo, già sentito in diversi procedimenti come ‘Ndrangheta stragista o il processo Breakfast, nel definirsi massone maestro venerabile, ha sostenuto che proprio "la città di Vibo Valentia è l'epicentro della massoneria sia legale che di quella cosiddetta deviata”. Ed è sempre lui a sostenere che l'avvocato Pittelli avrebbe avuto una doppia appartenenza, quella "pulita" con il Goi del distretto catanzerese e poi quella "coperta" legata alla Loggia di Petrolo di Vibo. Tutto sarebbe passato da questa organizzazione capace di mettere insieme massoneria e 'Ndrangheta, a cui avrebbe fatto parte anche il super boss Luigi Mancuso che, intercettato, afferma in modo chiaro: "La 'Ndrangheta non esiste più! ... una volta, a Limbadi, a Nicotera, a Rosarno, a ...c'era la 'Ndrangheta! ... la 'Ndrangheta fa parte della massoneria!”.

L’ex parlamentare di Forza Italia è anche accusato di rivelazione di segreto in concorso con un altro indagato eccellente, il tenente colonnello Giorgio Naselli, comandante provinciale dell’Arma di Teramo all’epoca dei fatti contestati. Quest’ultimo, secondo l’accusa, avrebbe fornito notizie riservate su alcune indagini all’ex parlamentare. La Dda inoltre ha prodotto i tabulati telefonici del legale con il maresciallo della Guardia di Finanza, Michele Marinaro. Già in servizio presso la Sezione operativa della Dia di Catanzaro e in seguito alle dipendenze della Presidenza del consiglio, Marinaro è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa e di rivelazione di segreti nei confronti dello stesso Pittelli.

Nel corso dell’udienza del riesame, quindi, sta emergendo il ruolo centrale nell’inchiesta della figura dell’avvocato. Ed entro lunedì prossimo avremo una risposta da parte dei giudici in ordine alla richiesta di revoca della misura cautelare dell’ex senatore, avanzata dai legali di quest’ultimo; Salvatore Staiano e Guido Contestabile.

Foto di copertina © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa