Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Mafie News

Morto suicida l’ex collaboratore di giustizia e infiltrato del Ros Fuduli

Si sentiva abbandonato dallo Stato
di AMDuemila
Si è tolto la vita Bruno Fuduli, 57 anni, ex collaboratore di giustizia ed ex infiltrato dei carabinieri del Ros di Catanzaro. Il corpo è stato trovato da un amico nella sua casa di Filandari, nel Vibonese. Fuduli aveva più volte lamentato nelle sedi processuali dove era stato chiamato a deporre di sentirsi completamente abbandonato dallo Stato. Da infiltrato del Ros ha permesso ai carabinieri di effettuare i più grossi sequestri di cocaina nella storia mondiale di lotta al narcotraffico. E' grazie a Bruno Fuduli che nel 2004 la Dda di Catanzaro ha coordinato una delle più imponenti operazioni di sempre contro il narcotraffico internazionale di cocaina: l'inchiesta "Decollo" con centinaia di arresti fra Calabria, diverse regioni italiane, Colombia, Venezuela ed Australia. Dopo quel blitz, l’ex infiltrato era stato arrestato nell'operazione Overloading e condannato a 16 anni per narcotraffico in primo grado a Roma. Era in corso il processo d'appello. Dall'operazione Overing (sempre per narcotraffico) era invece stato assolto lo scorso anno dal Tribunale di Vibo Valentia, nonostante una richiesta di condanna a 15 anni. Sua la fabbrica di marmi che per anni - e da infiltrato del Ros - era stata scelta dai narcotrafficanti per importare dalla Colombia enormi blocchi di marmo fatti sbarcare nel porto di Gioia Tauro con dentro occultate tonnellate di cocaina.