Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Giudizio immediato per due agenti della penitenziaria accusati di concorso esterno in associazione mafiosa

Mafie News

Giudizio immediato per due agenti della penitenziaria accusati di concorso esterno in associazione mafiosa

di AMDuemila
Si ipotizza abbiano veicolato informazioni dei boss all’esterno del carcere. Processo al via il 17 dicembre

La Procura di Catanzaro ha chiesto e ottenuto che gli agenti di polizia penitenziaria Luigi Frassanito e Giovanni Porco, accusati di concorso esterno in associazione mafiosa, vadano direttamente a processo. I due avrebbero favorito un piccolo traffico di merci e materiale proibito in entrata e in uscita dal carcere a beneficio di diversi detenuti appartenenti alla criminalità organizzata. Inoltre si ipotizza che abbiano fatto da tramite dei boss per veicolare all’esterno informazioni attraverso i così detti pizzini. Una sorta di do ut des dove le monete di scambio sarebbero state denaro o doni vari. Non solo. Il principale indiziato di tale illecito, il 47enne Frassanito, secondo i collaboratori di giustizia avrebbe altresì portato avanti un’attività di usura che l’agente della penitenziaria avrebbe esercitato a scapito dei colleghi e non solo. Si sospetta che dopo il suo arresto avvenuto lo scorso mese di giugno Frassanito abbia tentato, grazie a una sua stretta equipe di uomini incarcerati, di recuperare i proventi dell’usura. In questo senso gli inquirenti hanno ottenuto prove schiaccianti della sua attività. Ci sarebbe infatti un’intercettazione ambientale che ha captato un colloquio carcerario con un collega della penitenziaria che si sarebbe indebitato con Frassanito a seguito del quale la Dda ha provveduto a interrogarlo confermando la vicenda. Questo sarà uno dei temi che verranno toccati dal prossimo 17 dicembre, data di inizio del processo.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa