Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Morra: ''Serve una legge seria per negare i permessi ai boss''

Mafie News

Morra: ''Serve una legge seria per negare i permessi ai boss''

di AMDuemila
Intervista de “Il Fatto Quotidiano” al presidente della Commissione antimafia

“Noi stiamo lavorando al testo di un disegno di legge. Ci sono varie opzioni che sto approfondendo coi miei consiglieri”. Sono queste le parole del presidente della Commissione parlamentare antimafia, Nicola Morra in un’intervista al quotidiano “Il Fatto Quotidiano”, ha annunciato che, dopo la sentenza della Cedu e della Corte Costituzionale che si sono espressi in merito alla concessione di benefici per i mafiosi, sono a lavoro per una nuova legge. “Dobbiamo avere grande equilibrio e grande raffinatezza giuridica, dobbiamo tener conto delle indicazioni della Corte costituzionale, anche se raggiunte a stretta maggioranza, otto a sette. - ha spiegato - Dobbiamo rispettare le indicazioni della Consulta, senza creare una situazione di conflitto con la Corte. Dobbiamo saper coniugare le esigenze, ravvisate dai giudici costituzionali, di tutela di una rieducazione che deve essere garantita, come vuole la nostra Costituzione, a tutti i detenuti, con le esigenze di tutela della società per cui un mafioso continua a esserlo a vita, a meno che non si allontani dall’organizzazione criminale o non ne sia allontanato, perché passato dall’altra parte”. Il quotidiano “Il Fatto Quotidiano” ha presentato qualche giorno fa una petizione che va a chiedere sia al parlamento che al governo di intervenire sulla nuova situazione giuridica, creatasi dopo la sentenza della Consulta.
Secondo Morra la sentenza della Cedu e della Corte Costituzionale è un “dramma” in quanto “non si riconosce la pre-esistenza alla nascita dello Stato unitario italiano di alcune consorterie che hanno nel loro statuto un’identità in netto contrasto con lo Stato, monarchico prima e repubblicano poi. La legislazione antimafia è datata 1982. Prima non esistevano le organizzazioni mafiose? Esistevano eccome. Rocco Chinnici sottolineava che Cosa Nostra rappresentasse un formidabile strumento di conservazione di equilibri sociali. Gratteri e Ciconte hanno dimostrato come le strutture di ’ndrangheta fossero funzionali a chi gestiva il potere. Roberto Scarpinato ricorda che nella nostra storia repubblicana c’è un filo sotterraneo che si chiama stragismo, in cui le organizzazioni mafiose hanno svolto un ruolo da protagoniste, fin da Portella della Ginesta. - ha concluso - Dunque, dobbiamo renderci conto che, come ci ripete Nando dalla Chiesa, siamo in guerra, una guerra non dichiarata con organizzazioni in netto contrasto con la Costituzione. La nostra legislazione antimafia serviva a riconoscere questo stato di perenne conflitto e a rendere le organizzazioni criminali più deboli, attraverso un trattamento penitenziario che, dopo la cattura dei mafiosi, spezzi i loro legami con l’organizzazione”.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Subito il decreto o la legge anti-mafiosi e salva-giudici - Firma la petizione

La Consulta decide sull'ergastolo ostativo: così brinda la mafia

Fine pena mai: solo per i familiari delle vittime di uno Stato-Mafia

Le recensioni di AntimafiaDuemila

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...

VITTORIO ARRIGONI

VITTORIO ARRIGONI

by Anna Maria Selini

Nei campi con i contadini e in mare...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa