Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Caterina Chinnici: ''Dopo una forte solitudine mio padre trovò un appoggio in Falcone e Borsellino''

Mafie News

Caterina Chinnici: ''Dopo una forte solitudine mio padre trovò un appoggio in Falcone e Borsellino''

Video e Foto
di AMDuemila

Il magistrato e il padre di famiglia Rocco Chinnici nel racconto della figlia alla libreria Tantestorie di Palermo

“Mio padre ha sempre avvertito una forte solitudine, appesantita dal ruolo e dai rischi derivanti, che lo preoccupavano del fatto che anche noi, la sua famiglia, e persino l’uomo di tutela che gli era stato assegnato, potessimo correre lo stesso rischio”. Lo ha ricordato così Caterina Chinnici suo padre Rocco, il magistrato “professionista” e ancor prima premuroso uomo di famiglia, alla libreria Tantestorie di Palermo durante la presentazione dei libri “E’ così lieve il tuo bacio sulla fronte” pubblicato da Mondadori, che ha ispirato l’omonimo film, e “Rocco Chinnici. L'illegalità protetta” di Glifo Edizioni, contenente una prefazione a firma del giudice Paolo Borsellino. La Chinnici, oggi europarlamentare, ha raccontato i momenti di infanzia vissuti a stretto contatto con suo padre e i suoi colleghi, come riportato dal sito lesfemmesmagazine.it. Su tutti, i magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino con i quali Chinnici formò il primo pool antimafia. “Da quando ha conosciuto Falcone e Borsellino mio padre ha finalmente trovato un appoggio, qualcuno con cui condividere ansie e preoccupazioni, che lo capisse fino in fondo”, ha rammentato l’onorevole. Con loro il giudice Chinnici scambiava opinioni e strategie di lavoro all’interno dell’ascensore del Palazzo di giustizia di Palermo. “In quei momenti purtroppo non ero presente - ha ricordato la figlia del magistrato assassinato da Cosa nostra il 29 luglio 1983 - e se volevo avvicinarmi, mi veniva fatta una carezza, invitandomi ad allontanarmi. Ricordo però una cosa: una volta entrati nell’ascensore, esso diveniva occupato per diverso tempo, perchè era l’unico posto, all’interno del cosiddetto “palazzo dei veleni” veramente sicuro da occhi e orecchie indiscreti. Poi, quando avevano finito di parlare, uscivano tranquilli e sorridenti come se nulla fosse”.


Non è una novità, infatti, che certi magistrati dalla schiena dritta come Chinnici venissero osservati e talvolta ostacolati nell’esercizio del loro lavoro di indagine. L’autrice del libro “E’ così lieve il tuo bacio sulla fronte” ha rammentato, in particolare, un episodio in cui il padre venne richiamato a “rientrare nei ranghi”. “Dopo la strage di viale Lazio, venne redatto il relativo faldone, che venne recapitato a mio padre. - ha spiegato la Chinnici - Prima dell’innovazione di mio padre, che, dopo la sua morte, divenne la normale procedura, il giudice doveva limitarsi a consultare il faldone relativo al caso in esame, senza prendere ulterori iniziative. Mio padre invece, no. Lui voleva andare più a fondo, cercare di scoprire tutti i possibili legami e i possibili colpevoli. Quindi coordinava la polizia giudiziaria, affinché ricercasse ulteriori elementi. Evidentemente, le novità venivano mal tollerate, infatti mio padre venne appunto redarguito per questo suo lodevole spirito di iniziativa. Salvo poi ripensarci e addirittura, farla diventare la norma”. A fine evento è stato lasciato spazio alle domande del pubblico e la Chinnici rispondendo a una giornalista ha approfittato per soffermarsi sul termine “vittima di mafia”. “Noi familiari delle vittime di mafia, veniamo speso etichettati come vittime. Ma noi non siamo vittime, siamo sopravvissuti. - ha sottolineato l’europarlamentare - Noi non vogliamo essere chiamati vittime, perché l’esperienza di perdere qualcuno, in maniera così feroce e violenta, è un’esperienza che ti segna per sempre. Siamo sopravvissuti al grande dolore di vedere i nostri cari cancellati in quel modo così violento - ha concluso - ed è così che vogliamo essere riconosciuti”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...

VITTORIO ARRIGONI

VITTORIO ARRIGONI

by Anna Maria Selini

Nei campi con i contadini e in mare...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa