Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Mafia: sequestrati 800 mila euro in beni a imprenditori vicini a Messina Denaro

Mafie News

Mafia: sequestrati 800 mila euro in beni a imprenditori vicini a Messina Denaro

di AMDuemila
Sequestrati dalla Gdf un fabbricato rurale e un appezzamento di terreno agricolo a Castelvetrano

Il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Trapani ha eseguito due decreti di sequestro di beni a due imprenditori per un valore complessivo di 800mila euro.
La misura, emessa dal Tribunale di Trapani su proposta della Direzione Distrettuale Antimafia, riguarda i fratelli Rosario e Giovanni Firenze, insieme ai rispettivi nuclei familiari. Sotto sequestro sono finiti un fabbricato rurale e un appezzamento di terreno agricolo, ubicati nel territorio del comune di Castelvetrano. L’ordinanza di sequestro è scaturita da accertamenti patrimoniali avviati nel 2017 che hanno riguardato soggetti nei cui confronti erano state svolte indagini dei Carabinieri di Trapani nell'ambito dell'operazione "Ebano", sulla cui base è stato possibile dimostrare la contiguità della famiglia Firenze a quella di Matteo Messina Denaro. Infatti, tra la famiglia Firenze e Messina Denaro intercorreva un rapporto di amicizia già esistente in particolare tra il boss superlatitante ed il defunto Vincenzo Firenze (padre di Rosario e Giovanni) e poi dal rapporto di "comparaggio" tra Rosario Firenze e Vincenzo Panicola, marito di Anna Patrizia Messina Denaro. In tale ambito era emersa anche la pervasiva capacita' dell'impresa "Vincenzo Firenze S.r.l." di ottenere l'indebita aggiudicazione di svariati lavori di manutenzione della rete viaria e fognaria del comune di Castelvetrano. Inoltre, proprio quest’ultima società era stata già destinataria di interdittiva antimafia nel 2013 e successivamente, proprio allo scopo di eludere il provvedimento interdittivo che si basava sulla constatazione della contiguità del suo titolare, Rosario Firenze a “Cosa nostra", parte dei suoi beni patrimoniali ancora redditizi furono fraudolentemente trasferiti ad una nuova società, la F.G. S.r.l.s., di cui è divenuto amministratore e proprietario il fratello Giovanni.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...

VITTORIO ARRIGONI

VITTORIO ARRIGONI

by Anna Maria Selini

Nei campi con i contadini e in mare...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa