Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Don Ciotti: ''Lavoro e scuola due pilastri della legalità''

Mafie News

Don Ciotti: ''Lavoro e scuola due pilastri della legalità''

di AMDuemila
“Scuola e lavoro sono due pilastri della legalità che, è importante, non deve diventare solo una bandiera, una parola astratta, solo educativa. La legalità deve tradursi in una parola di vita”. E’ così che si è espresso don Luigi Ciotti, fondatore dell’associazione Libera contro le Mafie, a Taranto per il ricordo del trentennale dell’omicidio dell'ex carabiniere Giovanbattista Tedesco, capo turno della vigilanza ex Italsider, assassinato dalla Sacra Corona Unita. Don Ciotti, in una giornata all’insegna dei valori della legalità, ha incontrato gli studenti dell'Istituto comprensivo Renato Moro, nel teatro del plesso Leonida, prima di andare all'Istituto Archimede per l'intitolazione dell'Aula Magna a Giovanbattista Tedesco. All’evento erano presenti la vedova Maria Teresa Lacovara e il figlio Alessandro Tedesco, referente di Libera a Taranto. "Oggi - ha detto il prete - è una giornata di memoria, una memoria che deve essere viva e si deve tradurre tutti i giorni in responsabilità e impegno".
Don Ciotti ha parlato di mafia ai giovani studenti, ha poi ricordato i morti sul lavoro e anche Simona, la 30enne tarantina emigrata in Francia, tra le vittime del crollo dei due palazzi di Marsiglia del 6 novembre 2018. La giovane era soprannominata 'sorriso' per il suo carattere gioviale e positivo: "Credo di poter dire che sia stata una grande ambasciatrice - ha concluso il fondatore di Libera - partendo da questa terra è morta operando in mezzo ai più poveri, agli umili, nella zona più povera di Marsiglia. Oggi è una giornata per ricordarli, per farli restare vivi e assumerci di più la nostra parte di impegno e di responsabilità”.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...

CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...


LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa