Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Mafie News

Messico: guerra fra gang narcotraffico, 19 morti

di AMDuemila
Corpi trovati appesi a un ponte ed altri fatti a pezzi

Diciannove corpi mutilati appesi ad un ponte e sparpagliati per strada. E' il macabro ritrovamento che la polizia messicana ha rinvenuto ieri pomeriggio. Il fatto è avvenuto ad Urapan, a 400 km ad ovest della capitale, dove da qualche tempo imperversa la guerra tra alcune gang di narcos.
Secondo quanto riportato dalla Bbc, sul ponte era stato legato uno striscione con le iniziali del cartello della droga più potente del Messico - il Jalisco New Generation - ed un riferimento a un cartello rivale, quello dei Viagras, banda alleata con la potente Familia Michoacana, cartello avversario del Jalisco Nuova Generazione (CJNG), guidato da El Mencho e impegnato in un'offensiva globale. "E' in corso una guerra per il controllo del territorio fra cellule locali di diversi gruppi criminali" ha detto il Procuratore dello Stato, Adrian Lopez. Le bande "lottano per il controllo del territorio riguardo alla produzione, la distribuzione e il consumo delle droghe", ha spiegato.
Una vera e propria battaglia per prendere il controllo dei corridoi della droga verso gli Stati Uniti, in particolare delle metanfetamine, ma anche spazzare via i rivali per imporre le proprie leggi al mondo delle spaccio e ritagliarsi uno spazio politico usando tattiche militari. Nella mischia c'è anche un terzo schieramento, quello dei Cavalieri Templari. In questi giorni il clan Jalisco Nuova Generacion ha diffuso un paio di filmati mostrando un prigioniero nudo al centro, attorno uomini in divisa con logo della formazione, mascherati e armati in modo possente. Inoltre, poche ore dopo la scena terrificante dei corpi mutilati semi coperti appesi ad un ponte, sono circolate foto con brandelli di esseri umani visibilmente torturati sparsi per le strade di altre due località vicine. Nel manifesto bianco collocato sul ponte è stato scritto anche un messaggio chiaro: "Persone adorabili, andate avanti con le vostre abitudini".
In Messico lo scorso anno la criminalità organizzata ha causato 35.964 omicidi, un numero in aumentato del 9,6% rispetto allo stesso periodo del 2018.

Foto © EFE