Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Governo: la crisi e la disillusione, la speranza di Noa

Mafie News

Governo: la crisi e la disillusione, la speranza di Noa

noa internadi Lorenzo Baldo
Da Recanati il messaggio di pace della cantante israeliana

Sventola leggera la bandiera italiana posta in cima alla Torre civica di Recanati. Una brezza estiva muove il tricolore mentre la voce di Achinoam Nini, in arte Noa, “sorella della pace”, si espande come un balsamo nella piazza dedicata al Poeta dell’Infinito. E’ la notte della crisi di governo. Una notte di inquietudini e timori per chi ha a cuore le sorti di questo Paese. Da qualche ora si è consumata la cronaca di una morte annunciata da tempo. Dopo l’approvazione dello scellerato Decreto sicurezza bis Matteo Salvini ha incassato ugualmente la vittoria sulla Tav Torino-Lione aprendo così la strada per la caduta del governo con conseguenti imminenti elezioni. Non sono bastati i casi Siri e Russopoli per far arrestare la carriera del ministro dell’Interno. Né tanto meno sono bastate le sue prese di posizione a dir poco fasciste sugli immigrati per far prendere coscienza della sua reale natura. L’anestesia totale del popolo italiano si misura anche da questa colpevole acquiescenza. Che si traduce nella più becera complicità, perpetrata anche da parte dei grandi media ugualmente responsabili di questo imbarbarimento sociale. Il parallelismo con il ventennio fascista si fa via via sempre più strisciante. Cambiano solo le modalità e le facce degli attori e delle comparse.
Il sequestro di tanti poveri cristi alla deriva? Altre medaglie da appuntare sulla divisa di Salvini, letteralmente rubata a chi fa parte davvero delle Forze dell’ordine. I suoi insulti e le sue minacce rivolte a chi ha salvato vite umane nel Mediterraneo? Nuovi bonus nel suo curriculum. La sua astuta strumentalizzazione della religione, nello specifico della Madonna, con tanto di rosario da mostrare in pubblico? Altri fan che si aggiungono entusiasti. Pienamente raggiunto il suo obiettivo di fare leva sulla paura degli italiani per raccattare consenso e voti. Che arriveranno fluidi da quegli stessi italiani che ora lo acclamano a gran voce come il possibile salvatore della Patria. Un Paese che ora si ritrova più incattivito, rabbioso, amareggiato e soprattutto disilluso nei confronti di coloro verso i quali erano state risposte le speranze di un cambiamento. Del Movimento 5 Stelle probabilmente gli storici evidenzieranno incompetenze o ingenuità che li hanno portati ad essere fagocitati dai giochi di potere. O bisogna pensare che - salvo chi nel Movimento ci ha messo davvero anima e corpo per migliorare questo Stato - è stato un colossale bluff fin dall’inizio? Molto difficile riuscire a scacciare via quel senso di tradimento per alcune loro promesse non mantenute: una su tutte il dietro front dei pentastellati sull’Ilva di Taranto.

noa gallery recanati

Sempre più realistica diventa quindi l’immagine di Matteo Salvini nuovo Premier acclamato da una folla in Piazza Venezia a Roma. La disperata domanda su come sia stato possibile ridursi così affonda le sue radici nel passato prossimo, nell’immaginario collettivo della stragrande maggioranza del popolo di questo Paese. Eccolo il popolo schiavo che vuole con tutte le sue forze un “capo” che lo comandi, che lo guidi allegramente verso il baratro, verso la morte dei diritti umani, della giustizia e della democrazia. Che poi questo capo si chiami Mussolini, Berlusconi o Salvini poco importa. E se nel passato il popolo scelse Barabba è solo la storia che si ripete. Resistenza, resilienza e disobbedienza civile restano i baluardi ai quali aggrapparsi in questi tempi nei quali comunque si intravedono tracce di umanità da proteggere. Quell’umanità che si respira forte nelle parole vibranti di Noa in questa notte italiana gravida di pensieri e preghiere. Dal palco di Recanati la voce di questa cantautrice, poetessa, percussionista, compositrice israeliana arrivano dritte al cuore. E’ l’ospite internazionale di “Lunaria”, la rassegna estiva di Musicultura, ideata dall'associazione Musicultura, sostenuta dal Comune di Recanati e con la collaborazione di Amat. Tra una canzone e l’altra - con splendide acrobazie dalla musica internazionale, a quella classica di Bach, fino alle melodie napoletane - Noa legge in italiano alcuni suoi appunti che parlano di pace, fratellanza, giustizia, solidarietà. “Siamo tutti migranti in questo mondo” afferma con grande dolcezza ma anche tanta fierezza, per poi evidenziare l’importanza di proteggere la vita, tutelare l’umanità, abbattere le frontiere “in questi tempi terribili”. Tornano in mente le sue parole dello scorso marzo all’Università di Padova quando aveva affermato che amava il suo Paese e proprio per questo si sentiva in diritto di criticare il governo di Benjamin Netanyahu e le sue politiche. “La paura si è diffusa - aveva ribadito in quella occasione -. Ed è diventata un pericolo. Il pericolo numero uno del mondo”. Un pericolo reale, mai così tangibile come in questo momento in Italia. Una paura che - anche solo per un momento - scompare nella notte recanatese mentre la voce di Noa accarezza l’Ave Maria. In cima alla torre la bandiera continua a sventolare.

Info: noasmusic.com

ARTICOLI CORRELATI

Crisi di governo, il Premier Conte: ''Salvini dovrà spiegare le ragioni''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by I.M.D.

Estorsioni, spaccio di droga, violenza e controllo totale...

UN GIORNO QUESTA TERRA SARA' BELLISSIMA

UN GIORNO QUESTA TERRA SARA' BELLISSIMA

by Silvia Camerino

"La promessa di essere umana e sognatrice, così...


IL SISTEMA MONTANTE

IL SISTEMA MONTANTE

by Salvatore Petrotto

Anno 2007, la mafia cambia pelle, indossa la...

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

by Maria Antonietta Calabrò , Giuseppe Fioroni

Tutto quello che la gente sa sul cosiddetto...


ARAFAT

ARAFAT

by Stefania Limiti

Il conflitto israelo-palestinese è stato esacerbato dalla ritrosia...

SAVE THE MAFIA CHILDREN

SAVE THE MAFIA CHILDREN

by Giuliana Adamo

I figli della ’Ndrangheta nascono per seguire le...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa