Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Caso Siri, Manlio Nicastri: ''Non so se sapesse dei soldi''

Mafie News

Caso Siri, Manlio Nicastri: ''Non so se sapesse dei soldi''

di AMDuemila
Il padre Vito, re dell'eolico: ''Lo conobbi in casa di Arata"
Ieri l'incidente probatorio davanti al Gip di Roma

Si è tenuto ieri l'incidente probatorio davanti al gip di Roma, Emanuela Attura, su richiesta della Procura di Roma, per il procedimento che vede indagato l'ex sottosegretario Armando Siri per aver ricevuto la promessa di una mazzetta da 30 mila euro, il prezzo di un emendamento che avrebbe dovuto aprire molti finanziamenti alla coppia Arata-Nicastri.
Ad essere sentiti dal giudice sono stati il "re del vento", Vito Nicastri, ed il figlio Manlio che da qualche settimana hanno iniziato a parlare con i magistrati.
Le loro testimonianze, di fatto, non aggiungono nulla di penalmente rilevante all'inchiesta per corruzione sull'ex sottosegretario leghista ma comunque rischiano di creare nuovi pesanti imbarazzi al suo partito.
Infatti è stata di fatto confermata l'intercettazione ambientale dello scorso settembre in cui Arata, alla presenza del figlio Francesco e di Manlio Nicastri, si era detto pronto a promettere denaro all'allora sottosegretario. Né Vito Nicastri né il figlio Manlio, però, hanno in alcun modo confermato che Siri sapesse qualcosa della faccenda. "Ho sentito dire di questa promessa di 30 mila euro - ha dichiarato Manlio davanti alla giudice - ma se fosse solo un'intenzione di Arata, o Siri ne fosse a conoscenza, non saprei dire".
Di fatto, dunque, non vi sarebbe la prova che Siri sapesse di quel denaro, ma dall'incidente probatorio è emerso anche un altro fatto. Vito Nicastri ha affermato di aver incontrato Siri a casa di Arata confermando quanto era stato detto in un'intercettazione telefonica, registrata dalla Dia di Trapani il 10 settembre 2018, in cui Arata dice a Manlio, figlio di Nicastri: “Armando (Siri, ndr) questo, l’ha conosciuto anche tuo papà è venuto a pranzo anche a casa mia”. “Sì, sì, lo so”, rispondeva il giovane.
Ieri Vito Nicastri ha spiegato che non sapeva chi fosse Siri, anche perché all’epoca dell’incontro non era in politica, tantomeno sottosegretario, e gli fu presentato come “un amico”. La circostanza, seppure smentita con delle dichiarazioni spontanee dall'ex parlamentare di Forza Italia ("Quanto detto da Nicastri non corrisponde a verità. Posso portare mia moglie a testimoniare che la circostanza non è assolutamente vera”) e priva di alcun rilievo penale, può diventare un ulteriore problema per Siri che ha sempre negato di aver conosciuto il "re dell'eolico" siciliano, che gli inquirenti ritengono non solo come uomo vicino alla mafia ma anche come uno dei finanziatori della latitanza di Matteo Messina Denaro.
Gli inquirenti si dicono soddisfatti del fatto che i Nicastri abbiano confermato l'intercettazione attorno alla quale ruota l'intera inchiesta, ma l'atto istruttorio rischia di diventare un autogol per la procura, e non è un caso che il difensore di Siri, Fabio Pinelli, prima di lasciare Piazzale Clodio ha commentato: "È emerso, in modo inconfutabile, che non solo non c'è stata alcuna dazione di denaro ma neanche nessuna offerta. Ovviamente se ci fosse stata sarebbe stata rifiutata da Siri".
Secondo chi indaga, in cambio di 30 mila euro promessi da Paolo Arata, l'ex sottosegretario leghista avrebbe "asservito" "l'esercizio delle sue funzioni e dei suoi poteri ad interessi privati" dell'imprenditore. Obiettivo di Arata era arrivare all'approvazione di un emendamento, mai andato in porto in particolare con la contrapposizione dei Cinque Stelle, contenente una serie disposizioni in materia di incentivi per il 'mini-eolico' che avrebbe avvantaggiato le aziende sue e di Nicastri.

In foto:
l'ex sottosegretario Armando Siri © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Caso Siri, i Nicastri confermano: ''Arata gli promise 30mila euro''

Siri cacciato ma non corre il rischio della castrazione chimica spesso auspicata da Salvini

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa