Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Per motivi di salute Ciancimino jr lascia il carcere e va agli arresti domiciliari

Mafie News

Per motivi di salute Ciancimino jr lascia il carcere e va agli arresti domiciliari

di AMDuemila
Massimo Ciancimino, figlio dell'ex sindaco mafioso e teste-imputato al processo trattativa Stato-mafia, lascia il carcere. Il tribunale di sorveglianza di Roma ha accolto la richiesta dei suoi legali, Roberto D'Agostino e Claudia La Barbera, concedendogli la detenzione domiciliare per motivi di salute. I due legali già alla prima udienza del processo d'appello sulla trattativa avevano prospettato lo stato di salute precaria del loro assistito. "Negli ultimi giorni la situazione è peggiorata, ha avuto problemi gravi e manifesta un forte stato confusionale mostrando un'incapacità di rendersi conto anche degli aspetti processuali rispetto l'odierna udienza - avevano detto lo scorso 29 aprile - Per questo chiediamo una perizia tendente a stabilire le capacità del Ciancimino di partecipare coscientemente al processo". Successivamente i giudici della Corte d'assise d'appello, Presidente Angelo Pellino e a latere Vittorio Anania, hanno deciso di disporre nuovi accertamenti per valutare le condizioni fisiche di Massimo Ciancimino, uno degli imputati al processo trattativa Stato-mafia, e valutare la possibilità dello stesso di poter seguire il processo.
Ciancimino, che sta scontando la condanna definitiva a 3 anni per detenzione di esplosivo e una a due anni e otto mesi per riciclaggio, è dunque tornato a casa, ai domiciliari, in un appartamento "lontano dalla Sicilia", come ha dichiarato all'Adnkronos il suo legale, l'avvocato Roberto D'Agostino. "Le sue condizioni sono critiche - ha detto oggi il legale - speriamo che in casa possa curarsi nel migliore dei modi".

Foto © Imagoenomica

ARTICOLI CORRELATI

Trattativa Stato-mafia: prima udienza al processo d'Appello

Sentenza Stato-mafia: ''Senza la trattativa dei Carabinieri nessuna strage nel '93''

Trattativa, Tartaglia: ''Modus operandi Mori da sempre oltre o contro le regole''

Trattativa, Ciancimino jr e quel ''cerino'' in mano

Stato-mafia, Bellini e la ''seconda trattativa''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa