Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Ricordando la strage di Ciaculli 56 anni dopo

Mafie News

Ricordando la strage di Ciaculli 56 anni dopo

di AMDuemila
Anche il Presidente della Commissione antimafia Morra presente alla commemorazione

Ricorre oggi il 56° anniversario della “Strage di Ciaculli”, una delle più sanguinose ad opera della mafia. Il 30 giugno 1963, nel corso della prima guerra di mafia (che caratterizzò i primi anni 60’), una Giulietta Alfa Romeo imbottita di tritolo e parcheggiata nei pressi dell’abitazione di un parente del boss mafioso Salvatore Greco, esplose provocando la morte di sette servitori dello Stato, tra Carabinieri, Poliziotti e Artificieri dell’Esercito: il Tenente dei Carabinieri Mario Malausa e il Maresciallo Capo Calogero Vaccaro, il Maresciallo dell'Esercito Pasquale Nuccio e il soldato Giorgio Ciacci, i Carabinieri Eugenio Altomare e Marino Fardelli, il Maresciallo della P.S. Silvio Corrao.
Oggi, per il giorno del ricordo, accanto i familiari delle vittime, le autorità civili e militari, tra cui il Prefetto di Palermo Antonella De Miro; il sindaco Leoluca Orlando; il generale di divisione Giovanni Cataldo, comandante della legione carabinieri; il Questore Renato Cortese; il comandante militare dell'Esercito in Sicilia generale di divisione Claudio Minghetti; il generale di Divisione Riccardo Rapanotti, Comandante della Lesione Sicilia della Guardia di Finanza di Palermo ed anche il presidente dell'Antimafia, Nicola Morra che ha commentato: "Questo terreno è stato sequestrato alla mafia ed ospita al suo interno splendidi alberi in memoria di chi non ha mai smesso di lottare per un Paese migliore". Morra ha anche definito la mafia non come una piovra ma un "camaleonte" che "si mimetizza costantemente per provare ad infiltrare l'economia legale".
Dopo la cerimonia, alla presenza del vice-presidente nazionale dell'Unci Leone Zingales, familiari e autorità si sono recati nel giardino della memoria, il parco dedicato a tutti i caduti nella lotta contro la Mafia, per un momento di raccoglimento in onore delle vittime della criminalità organizzata.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa